[AIB]  AIB. Pubblicazioni. DBBI20
AIB-WEB | Pubblicazioni AIB | DBBI20 Indice delle voci

Dizionario bio-bibliografico dei bibliotecari italiani del XX secolo

[Ritratto]

Rotili, Mario

(Benevento 12 agosto 1920 – Benevento 26 febbraio 1981)

Dopo aver frequentato il liceo a Benevento, conseguì la laurea in lettere all'Università di Napoli. Si dedicò agli studi di storia dell'arte moderna e collaborò ad alcuni giornali anche con articoli di critica letteraria, teatrale e cinematografica. Insegnò quindi storia dell'arte al Liceo classico di Benevento.
Impegnato in politica, nella Democrazia Cristiana, dopo il notevole successo personale alle elezioni amministrative del 1956 venne eletto sindaco della città, giovanissimo, e mantenne la carica per sette anni, dal giugno di quell'anno fino al giugno 1963. Le sue doti d'iniziativa ma anche di mediazione gli permisero di ottenere notevoli risultati nell'amministrazione cittadina, negli interventi urbanistici e nei lavori pubblici (particolarmente nell'edilizia scolastica), nel recupero dei monumenti e in altri settori, godendo di un sostegno molto ampio che si manifestava anche in Consiglio comunale con l'approvazione all'unanimità del 90% delle delibere nel periodo della sua gestione. Tracciò un bilancio dell'esperienza nel volumetto Sette anni al servizio della mia città (Benevento: Abete, 1963), rinunciando ad essere rieletto a capo dell'amministrazione cittadina.
Nel 1959, lasciato l'insegnamento, aveva assunto anche la direzione del complesso degli istituti culturali cittadini, la Biblioteca provinciale, l'Archivio storico provinciale e il Museo del Sannio, allora uniti. Curò una completa riorganizzazione del Museo e della Biblioteca, portata a termine con l'inaugurazione ufficiale il 3 ottobre 1964. Al Museo diede un nuovo assetto con la divisione in quattro sezioni e la creazione della Pinacoteca; organizzò inoltre numerose mostre ed altre manifestazioni.

Nella Biblioteca provinciale realizzò la ristrutturazione e l'ampliamento della sede, con nuove sale e una scaffalatura metallica a torre, riorganizzò la collocazione delle raccolte, introdusse moderni cataloghi a schede, diede impulso agli acquisti e ampliò l'organico. Inoltre la inserì nelle attività del Servizio nazionale di lettura, come centro della Rete provinciale dei posti di prestito, che serviva venti località.
Presentò il rilancio della Biblioteca in un articolo sull'«Almanacco dei bibliotecari italiani» (Rinnovata la Biblioteca provinciale di un antichissimo centro del Mezzogiorno, 1964, p. 91-96). Nel 1965, per il V centenario dell'introduzione della stampa in Italia, promosse una mostra del fondo antico della Biblioteca (Mostra di libri dei secoli XVI-XVIII, a cura di Salvatore Basile, Benevento: Abete, 1965). Negli anni Sessanta compare anche tra i soci dell'Associazione italiana biblioteche.
Chiamato poi come professore ordinario di Storia dell'arte medievale e moderna all'Università di Napoli, dove era stato assistente volontario all'Istituto di storia dell'arte e professore incaricato, lasciò nel 1970 la direzione del Museo, della Biblioteca e dell'Archivio, di cui venne in quel periodo realizzata la separazione in tre istituti autonomi. Si dedicò in seguito soprattutto all'attività universitaria e agli studi storico-artistici.
Fra le sue numerose pubblicazioni, soprattutto di storia dell'arte ma anche di carattere archeologico o storico, in gran parte dedicate al Mezzogiorno e all'area beneventana, vari volumi sono dedicati alla storia della miniatura (La miniatura gotica in Italia, Napoli: Libreria scientifica editrice, 1968-1969; Introduzione alla storia della miniatura e delle arti minori in Italia, ivi, 1970, in collaborazione con Antonella Putaturo Murano; I codici danteschi miniati a Napoli, ivi, 1972; La miniatura nella Badia di Cava, Cava dei Tirreni-Napoli: Di Mauro, 1976-1978). Curò anche una guida artistica della provincia di Benevento e collaborò al Dizionario biografico degli italiani e all'Enciclopedia dantesca.
Venne insignito della medaglia dei benemeriti della cultura e, dopo la sua morte, il Comune di Benevento gli ha intitolato una via della città.

Alberto Petrucciani

Who's who in Italy 1957-1958: a biographical dictionary containing about 7000 biographies of prominent people in and of Italy and 1400 organizations, edited by prof. Igino Giordani and dr. Stephen S. Taylor. Milano: Intercontinental Book & Publishing, 1958, p. 835.

Chi scrive?: repertorio bio-bibliografico e per specializzazioni degli scrittori italiani. [2ª ed. aggiornata]. Milano: IGAP, 1966, p. 474.

Lui, chi è?   2ª ed. Torino: Editrice torinese, [1971?], vol. 2, p. 930.

Vincenzo Terenzio. Ricordo di Mario Rotili. «Rivista di studi crociani», 18 (1981), n. 1, p. 117-118.

Salvatore Basile. Ricordo di due benemeriti collaboratori. «Samnium», 54 (1981), n. 1/2, p. 93-98.

Studi di storia dell'arte in memoria di Mario Rotili. Napoli: Banca sannitica, 1984. 2 vol. (954 p.): ill., 1 ritratto. Contiene fra l'altro: Bibliografia di Mario Rotili, a cura di Alessandra Perriccioli Saggese, p. 13-17; Giuseppe Galasso, Ricordo di Mario Rotili, p. 19-25.

Enzo Bottasso. Dizionario dei bibliotecari e bibliografi italiani dal XVI al XX secolo, a cura di Roberto Alciati. [Montevarchi]: Accademia valdarnese del Poggio, 2009, p. 394-395.



Copyright AIB 2006-08-26, ultimo aggiornamento 2015-08-12, a cura di Simonetta Buttò e Alberto Petrucciani
URL: http://www.aib.it/aib/editoria/dbbi20/rotili.htm

AIB-WEB | Pubblicazioni AIB | DBBI20 Indice delle voci