Stampa pagina Seguici AIB su Facebook AIB su Twitter

L’AIB contesta il Bando del Comune di Anguillara Sabazia

Al Sindaco del Comune di Anguillara Sabazia
Sig.ra Sabrina Anselmo
All’Assessore alla Cultura
Dott.ssa Viviana Normando
comune.anguillara@pec.it
Al Responsabile Area IV – Servizi alla Persona
Dott.ssa Simonetta Princigalli
s.princigalli@comune.anguillara-sabazia.roma.it
servizisociali.anguillara@pec.it
segrateria@comune.anguillara-sabazia.roma.it

 

 

Oggetto: L’AIB contesta il Bando del Comune di Anguillara Sabazia, Città Metropolitana di Roma Capitale

 

Gentilissimi,

interveniamo in merito al Bando per l’affidamento di servizi bibliotecari a supporto della gestione comunale, presso la biblioteca comunale “Angela Zucconi” di Anguillara Sabazia, per la durata di 10 mesi, da marzo 2017 a dicembre 2017 [CIG ZC51D4F0BF].

L’Associazione italiana biblioteche, rappresentativa della professione bibliotecaria a livello nazionale (ex art. 26 D.Lgs.vo 206/2007 e successivo Decreto del Ministro della Giustizia, 7 gennaio 2013), ha tra i propri scopi statutari l’affermazione della specificità professionale del bibliotecario e la promozione e lo sviluppo delle biblioteche in Italia.

L’AIB nella sua organizzazione ha anche l’Osservatorio Lavoro e Professione, che fra l’altro ha pubblicato il “Decalogo per le esternalizzazioni dei servizi bibliotecari”, attraverso il quale «propone a tutte le stazioni appaltanti ed anche ai soggetti destinatari degli appalti dieci criteri irrinunciabili da osservare per garantire la qualità delle esternalizzazioni e degli appalti di servizi bibliotecari, una competizione aperta a tutti gli operatori economici attivi nel settore e il rispetto dei lavoratori coinvolti dal punto di vista professionale, normativo e salariale».

Facendo riferimento al Decalogo nella sua interezza rileviamo e vi invitiamo a prendere atto della totale inadeguatezza del Bando e del Capitolato ad esso connesso.

Infatti a scapito della specificità del servizio (delle professionalità di norma richieste per il suo espletamento), dei diritti dei lavoratori ecc., segnaliamo:

  1. la genericità dei requisiti richiesti per il personale da impiegare.

Non sono, infatti, descritte né richieste, le specifiche figure professionali normalmente impiegate in biblioteca; pertanto si suggerisce la necessità di individuare una o più figure professionali di riferimento quali, a titolo di esempio, assistente di biblioteca e operatore di biblioteca, associabili in linea di massima alle figure indicate di seguito:

Operatore di biblioteca:

CCNL COOPERATIVE SOCIALI: Area/categoria A – Lavoro generico e servizi ausiliari. Costo annuale ft  25.336,75, costo orario €16,72; oppure Area/categoria B – Lavoro qualificato, e servizi generici alla persona in ambito socio-assistenziale. Costo annuale ft  27.005,32 costo orario €17,84.

CNL MULTISERVIZI: III° LIVELLO Cat. Impiegati Operai – Qualif. Esecutivi Costo annuale ft 27.248,32 orario €17,76

Assistente di biblioteca:

CCNL COOPERATIVE SOCIALI: Area/categoria C – Lavoro specializzato, servizi qualificati alla persona in ambito socio-assistenziale e socio-sanitario. Costo annuale ft 29.109,73, costo orario €19,25

CNL MULTISERVIZI: V° LIVELLO Cat. Impiegati Operai – Qualif. di concetto provetti. Costo annuale ft 30.294,33, costo orario €19,77.

  1. Incongruità della base d’asta.

L’importo posto a base di gara per l’intera durata del contratto è di complessivi € 39.950,00 (trentanovemilanovecentocinquanta/00), € 3.995,00 mensili.

Il capitolato di gara prevede un servizio minimo di 65 ore settimanali pari a circa 3120 ore per anno (48 settimane lavorative).

Da questo si stima che il costo orario possa essere di circa €12,8, tariffa che non permette in nessun modo di rispettare il diritto all’equa retribuzione né gli obblighi contributivi e assicurativi (INPS e INAIL) previsti, oltre che dalla legge, dal capitolato d’appalto: «ART. 7 – PERSONALE: REQUISITI ED OBBLIGHI… L’impresa aggiudicataria dovrà ottemperare e farsi carico del rispetto di tutti gli obblighi infortunistici, assicurativi e previdenziali sanciti dalla normativa vigente nei confronti del proprio personale.

L’impresa aggiudicataria dovrà osservare ed applicare integralmente tutte le condizioni normative e retributive risultanti dal CCNL di categoria e degli accordi locali integrativi degli stessi vigenti in favore dei dipendenti delle imprese del settore nella località e nel tempo in cui si svolge il servizio».

L’AIB, pertanto, auspica l’annullamento del bando e offre la propria disponibilità a mettere al servizio dell’Amministrazione le proprie competenze ed esperienze, sostenendo l’azione della Biblioteca comunale di Anguillara Sabazia.

Certi di fare cosa gradita, ci permettiamo di segnalare “Il decalogo sulle esternalizzazioni”, le “Linee di indirizzo per il personale di supporto ai bibliotecari” e la campagna AIB “Contro il massimo ribasso”.

 

Restando a disposizione per eventuali chiarimenti ci è gradita l’occasione per porgere distinti saluti,

Maria Abenante e Francesca Cadeddu

Coordinamento Osservatorio Lavoro e Professione dell’AIB

 

Roma, 17 febbraio 2017

Prot. n. 28/2017

 

URL: http://www.aib.it/struttura/osservatorio-lavoro-e-professione/2017/61047-laib-contesta-bando-del-comune-anguillara-sabazia/. Copyright AIB 2017-02-20. A cura di Elena Infantini, ultima modifica 2017-02-20