[AIB]  AIB. Pubblicazioni. DBBI20
AIB-WEB | Pubblicazioni AIB | DBBI20 Indice delle voci

Dizionario bio-bibliografico dei bibliotecari italiani del XX secolo


Agnoletti, Bice (Beatrice Agnoletti Fusconi Wildt)

(Firenze 2 giugno 1876 Firenze 25 settembre 1963)

Sorella dello scrittore e giornalista Fernando Agnoletti Fusconi (1875-1933) e di Clotilde (moglie del professor Paolo Enriques e madre di Anna Maria ed Enzo Enriques Agnoletti), si laureò in lettere con Guido Mazzoni all'Istituto di studi superiori pratici e di perfezionamento di Firenze nel dicembre 1900.
Nel 1902 vinse il concorso per sottobibliotecario reggente nelle biblioteche governative, classificandosi quarta dietro Luigi De Gregori, Dino Provenzal e Maria Belsani, e iniziò la carriera il 1º maggio 1903 presso la Biblioteca nazionale Marciana di Venezia.
Su sua richiesta, fu trasferita il 1º agosto 1903 alla Biblioteca nazionale centrale di Firenze, potendo così riunirsi alla famiglia. Al termine del primo anno di servizio venne inquadrata in ruolo come sottobibliotecaria di 4ª classe.
La sua carriera nelle biblioteche governative fu molto breve e si concluse pochi mesi dopo con la rinuncia all'impiego, dal 16 agosto 1904: in quel mese, infatti, sposò Hermann Wildt (1852-1932), medico di corte e direttore di un ospedale europeo al Cairo, andando a risiedere con lui in Egitto. Dal matrimonio ebbe, a quanto pare, due figli, Paul (morto nel 1906 di pochi giorni) e Hans (1908?-1987).
La Biblioteca nazionale centrale di Firenze conserva due sue cordiali lettere a Desiderio Chilovi, la prima da Venezia al momento del desiderato trasferimento a Firenze e la seconda dall'Egitto con gli auguri per il 70º compleanno del bibliotecario trentino, pochi giorni prima della sua morte.
Nel 1901, per i tipi della Seeber, aveva pubblicato a Firenze la sua tesi di laurea (Alessandro Braccesi: contributo alla storia dell'umanesimo e della poesia volgare), che venne recensita con apprezzamento da Rodolfo Renier sul «Giornale storico della letteratura italiana» (vol. 39, 1902, p. 128-130), come lavoro «accurato, sensato e disinvolto», che meritava «encomio intero ed incondizionato» per la parte biografica basata su ampie ricerche d'archivio.
È sepolta col marito e il primo figlio al Cimitero protestante degli Allori di Firenze.

Elisabetta Francioni



Copyright AIB 2011-12-29, ultimo aggiornamento 2021-01-17, a cura di Simonetta Buttò e Alberto Petrucciani
URL: https://www.aib.it/aib/editoria/dbbi20/agnoletti.htm

AIB-WEB | Pubblicazioni AIB | DBBI20 Indice delle voci