[AIB] AIB Notizie 5/99
AIB-WEB | AIB Notizie | Sommario fascicolo 5/99

AIB programma info2000

di Maria Luisa Ricciardi

NUOVI PROFILI PROFESSIONALI

La bozza di raccomandazione del Consiglio d'Europa presentata al 6. Meeting della MIDAS-NET
Il 15-16 aprile scorso si è tenuto a Lisbona il sesto MIDAS-NET meeting cui hanno partecipato i rappresentanti delle 103 organizzazioni europee che costituiscono la rete.
Il nodo di cui fa parte l'AIB è stato rappresentato da Luigi Badiali e Barbara Gigli del BIC Toscana e da Anna Trazzera dell'AIB che, su iniziativa di Maria Luisa Ricciardi, hanno illustrato alle altre organizzazioni della rete la bozza di raccomandazione del Consiglio d'Europa sui nuovi profili professionali nella Società dell'informazione.
Questo documento, nato dalle esperienze acquisite nello svolgimento del progetto New Book Economy - BIS promosso dal Consiglio d'Europa, intende fornire le linee essenziali per una politica europea della cultura basata sulle nuove tecnologie, che incoraggi lo sviluppo delle industrie e delle istituzioni culturali, assicurando che i professionisti dell'informazione e i fornitori di contenuto siano adeguatamente preparati per operare nella nuova catena dell'informazione.
Dal punto di vista tecnico, si dà nella raccomandazione la definizione di alcune parole chiave come "Società dell'informazione", "Professionisti dell'informazione", "industrie culturali", "istituzioni culturali"; sono poi individuati 20 nuovi profili professionali in quattro diverse aree tecnologiche (disegno, management, contenuto, distribuzione), in ognuna delle quali vengono analizzate specifiche competenze e capacità, incluse quelle linguistiche e della comunicazione.
L'obiettivo della raccomandazione è quello di sensibilizzare chi si occupa di politica occupazionale sulle opportunità offerte dalle nuove tecnologie. Il COE raccomanda agli Stati membri di adottare politiche e strategie imprenditoriali volte a sostenere l'impiego delle ICT (Information and Communication Technologies); invita le industrie e le istituzioni culturali ad adeguarsi al cambiamento tecnologico e a fornire contenuti e servizi di alta qualità digitale per poter far fronte in modo competitivo alle sfide poste dalla Società dell'informazione.
Si può prendere visione della bozza di raccomandazione del COE all'URL: http://culture.coe.fr/clt/eng/eculiv1R.htm
La versione in italiano è invece disponibile all'URL: http://www.aib.it/aib/cen/ol990118.htm
Il testo finale della bozza sarà discusso durante una serie di incontri europei in occasione della "Settimana del lavoro culturale". L'incontro italiano verrà ospitato dalla Città di Roma nella seconda metà di ottobre 1999.
Nel corso del meeting, inoltre, è stato dato ampio spazio ai possibili futuri sviluppi della rete che, alla scadenza dell'Addendum, nel giugno del 2000, assumerà un volto nuovo. Secondo i piani della Commissione, il numero dei partner verrà ridotto a 5 o 7 con compiti non più solo di promozione e di sensibilizzazione, ma anche di realizzazione di progetti innovativi nel multimediale (per esempio il progetto "MIDAS-NET FAIR" proposto dal BIC TOSCANA e sostenuto da tutto il nostro nodo; o il progetto del nodo norvegese, "Three-step-rocket: an initiative for getting SMEs online" del nodo norvegese). La Commissione auspica che la nuova rete abbia un taglio più politico, che sia in grado di raccogliere nuove proposte da inserire nel Sesto Programma quadro, che sfrutti al meglio tutte le possibili forme di collaborazione con altre reti (EUROMAP, Innovation Relay Centres).
La Commissione europea è stata rappresentata a Lisbona da Karsten Strorup (DG XIII/E-4), Michel Brochard (DG XII/E-1) e Ola-Kristian Off (DGXIII/E-1) che hanno presentato il 5. Programma quadro, IST e le ultime novità su MLIS ed EUROPRIX.
Sotto MLIS verrà lanciato un invito finale a presentare proposte nell'area della fornitura di risorse multilingue e dello sviluppo di servizi di rete multilingue. L'invito, già preannunciato anche su «AIB notizie», n. 4/99, verrà pubblicato alla fine di maggio o all'inizio di giugno 1999. é prevista per il mese di giugno una Giornata informativa dedicata a MLIS: Human Language Technologies.
Per maggiori informazioni consultare il sito del programma: http://www.linglink.lu/hlt/call-for-proposals
Il prossimo appuntamento per i partner della rete MIDAS è fissato per gli inizi di settembre a Berlino.


Innovazione e PMI: un invito a presentare progetti

Il 23 aprile 1999 è stato lanciato un invito aperto a proporre progetti di accompagnamento (azioni indirette di ricerca e sviluppo tecnologico) al programma specifico 1998-2002 dedicato alla promozione dell'innovazione e all'incoraggiamento alla partecipazione delle Piccole e medie imprese (GUCE N. C 112 del 23 aprile 1999, p. 35-36).
Le proposte devono contenere misure di accompagnamento volte a identificare le esigenze delle PMI e ad anticipare le tendenze tecnologiche e di mercato. Il compito di attuare queste misure può essere affidato a reti, servizi e intermediari già esistenti che propongano di fornire alle PMI l'informazione e l'assistenza necessarie a metterle in grado di far fronte alle proprie necessità e di indirizzare i propri prodotti o servizi verso la comunità più adatta. Tali azioni possono comprendere l'attività di formazione e lo scambio delle migliori pratiche.
L'invito a presentare le suddette proposte è perciò rivolto innanzitutto alla rete dei National Contact Points delle PMI, ma in seconda battuta anche alle reti transnazionali delle federazioni industriali e alle agenzie di sviluppo regionale, mentre ad esempio gli Information Relay Centres, gli Eurosportelli e le associazioni di ricercatori possono proporre progetti di campagne di informazione e sensibilizzazione.
L'invito è inserito in uno schema continuo che resterà aperto fino al 2 luglio 2002. Il termine di presentazione per rientrare nel primo turno di valutazione è il 2 luglio 1999. Le proposte che perverranno dopo questa scadenza verranno valutate a intervalli regolari di almeno tre mesi per almeno tre turni all'anno (eccetto che per il 1999).
Per avere il pacchetto informativo di questo invito, il piano di lavoro e altre informazioni, rivolgersi a: SME Help Desk, EC DG XII - Science Research and Development, Square de Meeüs 8, B-1050 Brussels; fax 0032/2/2957110; e-mail sme@dg12.cec.be; URL: http://www.cordis.lu/sme
Pacchetto informativo:
http://www.cordis.lu/sme/src/infopack.htm



Preavviso di bando di gara

Per consentire una preparazione più accurata delle offerte, la DG XIII/D della Commissione europea ha pubblicato di recente un preavviso di gara per la fornitura di svariati studi in tema di Ricerca e sviluppo nel campo dell'innovazione (GUCE, serie S, n. 72 del 14 aprile 1999).
Data prevista per l'avvio delle procedure: 15 settembre 1999.
Gli studi si incentreranno sui seguenti argomenti:
– imprese innovative e creazione di occupazione;
– brevetti in Europa: lezioni desunte dalla pratica dell'applicazione e della valorizzazione nella ricerca e nell'industria;
– politica dell'innovazione nell'Europa centrale ed orientale;
– l'assorbimento delle nuove tecnologie da parte delle imprese. Rassegna di casi di successo di schemi di promozione dell'innnovazione nelle imprese;
– cooperazione fra sistemi di ricerca ed industrie per la promozione di imprese innovative;
– rassegna ed analisi di strumenti statistici per la misurazione dell'innovazione nelle imprese;
– tassazione e innovazione: una rassegna;
– relazioni industriali e innovazione;
– approcci e stili della politica dell'innovazione;
– stima dei progetti relativi al capitale effettivo dell'innovazione e della tecnologia (I-TEC = Innovation and technology equity capital): prospettive di continuazione.
– stima dell'impatto che l'introduzione dei brevetti software in Europa ha avuto sulle piccole e medie imprese innovative.
Si calcola che lo stanziamento per la realizzazione dei suddetti studi ammonterà a 2,2 milioni di euro (pari a oltre 4 miliardi di lire).
Per ulteriori informazioni, rivolgersi a: EC DG XIII/D, Mr Tiscar, EUFO 2165, Plateau du Kirchberg, Batiment Euroforum, L-2920 Luxembourg; fax 00352/4301/34129.


Documentazione di base per formulare nuovi progetti

Sono disponibili in rete, sul sito della DG XIII/E-2 dedicato a Cultural heritage applications, alcuni documenti e rapporti che danno informazioni dettagliate su progetti di tecnologia e biblioteche effettuati col contributo del programma Telematics for libraries. Dalla conoscenza di questa informazione di fondo è bene partire per i futuri progetti di biblioteca:
http://www.echo.lu/digicult/en/backgrd.html
Il servizio comprende:
1. Digital preservation guidelines. The state of the art in libraries, museums and archives, di Marc Fresko e Kenneth Tombs. Il testo può essere scaricato ed è disponibile in PDF e in Word;
2. Digitisation of library materials, una relazione dell'incontro di studio e del workshop che si sono tenuti sull'argomento a Lussemburgo il 14 dicembre 1998 (formato PDF);
3. Background and discussion documents for archives, libraries and museums. Si tratta di una serie di rapporti originati da altrettante riunioni di studio organizzate dall'Unità Biblioteche della DG XIII per discutere le future possibilità di collaborazione fra biblioteche, musei ed archivi nell'attività di ricerca relativa alle Tecnologie dell'informazione del 5. Programma quadro.
4. Report on the situation of libraries, museums and archives in the EU Member States and EFTA Countries. I contenuti di questo documento sono stati forniti dai National Focal Points del settore biblioteche e redatti dall'Ufficio "Electronic Publishing and Libraries" della DG XIII/E-4.
Per informazioni in italiano sulle azioni e gli inviti a presentare progetti per biblioteche nell'ambito del nuovo programma IST, consultare la pagina:
http://www.echo.lu/digicult/it/home.html


NOTIZIE LAMPO

Un consulente online per i progetti IST

IST Adviser è un servizio gratuito che aiuta a cercare i partner adatti e a preparare meglio le proposte di progetti sul programma IST del 5. Programma quadro.
Dato che in pratica IST è una continuazione dell'attività svolta dai programmi ACTS, ESPRIT o Telematics Applications del 4. Programma quadro, questo servizio si ricollega in particolare a coloro che hanno già lavorato con successo in quei programmi.
Il servizio, nato dal progetto ADVISER II (ADded Value Information Service for European Research) del vecchio programma Telematics Applications, si trova all'URL: http://advisereu.vws.co.uk

Measuring Information Society 98

Chi fa uso del teleinsegnamento? Chi ha le antenne satellitari in Europa? Quanti sono gli europei in rete? Qual è il ruolo delle donne nella Società dell'informazione? La risposta a queste e a molte altre domande si può trovare sul sito di ISAC (Information Society Activity Centre, DG XIII), che offre, con l'indagine Measuring Information Society, una fonte unica di dati comparabili sull'uso delle tecnologie della comunicazione e dell'informazione.
http://www.ispo.cec.be/ polls/


RICCIARDI, Maria Luisa. AIB programma info2000. «AIB Notizie», 11 (1999), n. 5, p. 16-17.

Copyright AIB, ultimo aggiornamento 1999-05-25 a cura di Gabriele Mazzitelli
URL: http://www.aib.it/aib/editoria/n11/99-05info.htm

AIB-WEB | AIB Notizie | Sommario fascicolo 5/99