[AIB]AIB Notizie 10-11/2002
AIB-WEB | AIB Notizie | Sommario fascicolo 10-11/2002


Workshop internazionale sulla qualità dei siti Web culturali

Sabrina Santangelo

Lo scorso 17 ottobre si è tenuto a Roma, all’interno di Bibliocom 2002, un workshop internazionale sulla qualità dei siti Web culturali.
L’evento è stato organizzato nell’ambito del progetto MINERVA (MInisterial NEtwork for Valorising Activities in digitisation), rete di ministeri europei della cultura coordinata dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali che si propone di creare una piattaforma comune, raccomandazioni e linee guida per la digitalizzazione di contenuti scientifici e culturali con particolare attenzione agli aspetti legati ai metadati, all’accessibilità e alla conservazione di lungo periodo.
Il dibattito ha suscitato notevole interesse perché Internet, che indubbiamente facilita lo scambio di informazioni e la condivisione di conoscenza e offre nuove opportunità per l’educazione, non dispone attualmente di sistemi di controllo di qualità.
Tale lacuna si avverte in particolare per i siti Web culturali, dei quali si registra un notevole incremento numerico, non ancora accompagnato, purtroppo, dalla consapevolezza delle potenzialità e dei vantaggi legati al Web, il cui ruolo spesso è svilito ad una mera vetrina pubblicitaria.
Si è sottolineata nel corso del convegno la necessità di collegare il sito di musei, archivi e biblioteche alla missione e al complesso di attività dell’istituzione, con particolare riferimento alla esigenza di integrare l’informazione veicolata attraverso Internet all’interno di una strategia di comunicazione – interna ed esterna – unica e coordinata.
Claudio Chetta, consigliere del Ministro Urbani per l’informatica, e Luciano Scala, direttore dell’ICCU, hanno ricordato diversi progetti realizzati dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali (Portale della cultura, Biblioteca Digitale Italiana, SBN, ADMV, per citarne solo alcuni), evidenziando in tal modo il ruolo centrale rivestito dalla digitalizzazzione all’interno della strategia del dicastero, mentre Rossella Caffo ha ripercorso le tappe che, a partire dalla definizione dei principi di Lund, hanno condotto a MINERVA.
Bernard Smith, responsabile della DG Information Society della Commissione Europea, ha illustrato gli elementi caratterizzanti il VI Programma Quadro, soffermandosi sui nuovi strumenti da esso introdotti, reti di eccellenza e progetti integrati.
Isabelle Dujacquier (Ministère de la Communauté française), responsabile con lo spagnolo José Esteban (Biblioteca Nacional d’España) del WP5 del progetto MINERVA – “Identification of user needs, content and quality framework for common access points” - ha sintetizzato gli sviluppi del lavoro fin qui svolto, riferendo che l’approccio alla qualità è cambiato rispetto a quello del “Brussels Quality Framework”: infatti il sito Web culturale è visto oggi come un solo prodotto con due dimensioni ( interna ed esterna) mentre la qualità dal punto di vista dell’utilizzatore può essere valutata in relazione a quattro criteri ( contenuto, navigazione, presentazione e servizi offerti).
Franca Garzotto (Politecnico di Milano) ha presentato un metodo per la valutazione dell’usabilità dei siti Web dei musei (MiLE) che, correlando l’usabilità alla conoscenza dei fini degli utenti e degli scenari di utilizzo, prevede ispezioni di analisti integrate da test empirici che coinvolgono l’utente.
Fedora Filippi, responsabile del gruppo di lavoro italiano sulla qualità dei siti Web culturali ha sottolineato l’esigenza di definire strategie per la valorizzazione dell’identità dell’istituzione in rapporto al Web (osservando in particolare la tendenza ad una pericolosa omologazione ad uno “stile Web” concepito per altri contesti) e la necessità di esaminare le finalità dell’istituzione per valutare il contributo del sito Web al loro raggiungimento.
Riccardo Ridi ha illustrato il panorama relativo alle biblioteche italiane, lamentando un peggioramento della situazione rispetto al passato sotto il profilo formale (come testimonia, ad esempio, la generale scarsa considerazione delle linee guida emanate in tema di accessibilità o le poche iniziative di archiviazione e long term preservation di pagine Web) e un relativo miglioramento sul fronte dei contenuti, che peraltro ancora non coinvolge taluni importanti aspetti (ad esempio l’aggiornamento e l’indicazione delle responsabilità del sito).
Infine Maurizio Lunghi, project officer del progetto MINERVA, ha approfondito le problematiche legate all’'accessibilità alle pagine Web per persone affette da disabilità fisiche, sensoriali o cognitive, per anziani e per soggetti con limitate esperienze informatiche.
Dopo aver ricordato le circolari della Funzione pubblica e dell’ AIPA nonché la “Web Accessibility Iniziative” (WAI), Lunghi ha illustrato i due siti http://bobby.cast.org/html/en/index.jsp e http://www.webxtutti.it/testa.htm, e ha menzionato, tra le attività previste in eEurope, “e-accessibility” e "Design for all".

SANTANGELO, Sabrina. Workshop internazionale sulla qualità dei siti Web culturali. «AIB Notizie», 14 (2002), n. 10-11, p. XV.
Copyright AIB, ultimo aggiornamento 2002-25-12 a cura di Franco Nasella
URL: http://www.aib.it/aib/editoria/n14/02-10santangelo.htm

AIB-WEB | AIB Notizie | Sommario fascicolo 10-11/2002