[AIB]AIB Notizie 6/2003
AIB-WEB | AIB Notizie | Sommario fascicolo 6/2003


Progetto SERIALS: spoglio elettronico delle riviste abruzzesi

Francesco Lullo

La convinzione che alla biblioteca pubblica spetti non solo il compito di conservazione e di trasmissione dell'eredità culturale del proprio territorio, ma anche il dovere di rendere accessibile il materiale conservato ha spinto i responsabili delle biblioteche provinciali di Chieti, L'Aquila e Pescara a ideare e realizzare un progetto mirante alla salvaguardia e migliore fruizione del ricco patrimonio documentario delle riviste di interesse abruzzese.
L'idea di porre rimedio al deterioramento delle riviste, dovuto a danni di natura biologica, chimica o meccanica (uso frequente), ha costituito il motivo scatenante per l'ideazione del progetto.
La soluzione sembrava quella di trasferire su un altro supporto il materiale oggetto di attenzione, magari ricorrendo a microforme.
Un riversamento sic et simpliciter dei documenti su un supporto diverso dalla carta ne avrebbe certamente garantito una migliore conservazione degli originali, riducendone al minimo l'uso, permettendone un migliore immagazzinamento e riducendone il deterioramento dovuto allo spostamento.
Avrebbe anche permesso un considerevole recupero dello spazio, avrebbe ridotto il rischio di furti degli originali, avrebbe consentito una più comoda duplicazione, avrebbe offerto la possibilità di colmare eventuali lacune nelle annate.
Tutto questo, però, non avrebbe risolto il problema legato alla semplificazione dell’accesso alle incalcolabili informazioni contenute nelle numerose riviste trattate.
Alla “efficienza”, ossia alla capacità di sfruttare nel modo migliore le risorse disponibili, bisognava affiancare l’“efficacia”, cioè il conseguimento di risultati apprezzabili, adeguati alle necessità degli utenti, attraverso la realizzazione di un progetto che avesse come scopo non solo la conservazione e il salvataggio di un ricco patrimonio, ma anche la sua migliore fruizione e accessibilità.
È stato necessario, perciò, operare un’analisi delle numerose possibilità offerte dalla nostra società ipertecnologica. Proprio dall’esame di questo scenario, così complesso e mutevole, è stato possibile individuare nei CD-ROM lo strumento più consono per la soluzione dei nostri problemi, in quanto sembravano offrire, contemporaneamente, le migliori garanzie per la conservazione, l’uso, l’accesso.
Il “riversamento” dei periodici su CD-ROM, infatti, avrebbe senza dubbio aggiunto alle possibilità di conservazione e di uso, offerte dalle microforme, la condizione indispensabile per l’accesso, attraverso il recupero delle informazioni, condotto, in maniera esauriente, da un potente e “amichevole” motore di ricerca, attraverso il quale accedere ai singoli articoli, tramite numerose chiavi predisposte nella catalogazione di spoglio.
Il catalogo, così predisposto, elimina un gravoso, paziente, lungo impegno agli utenti, i quali non sono più costretti a sfogliare indici cartacei, quando esistenti, o a consultare direttamente i periodici, pagina per pagina.
L’accesso alle notizie è così garantito da una semplice ricerca per titolo, per autore, per argomento, per nomi di persona o di luogo d’interesse abruzzese. Inoltre, è possibile accedere alle immagini presenti nel testo.
La realizzazione di questo progetto, frutto della professionalità e dell’ingegno di bibliotecari e di tecnici dell’informazione, costituisce un importante salto in avanti nel campo della ricerca, in quanto è stato il primo ideato e realizzato in Italia e fa proprio il principio stabilito dal Committee on Preservation istituito, negli USA, nel 1984, dal Council of Library Resources secondo il quale «l’accesso a ciò che viene conservato è importante quanto la conservazione dell’informazione stessa».
Una banca dati così costruita, non può che essere considerata come l’espansione delle sale di consultazione delle biblioteche, nelle quali il “possesso” cede sempre più il passo all’“accesso” dei documenti, consentendo una risposta immediata – just in time – alle richieste dell’utente.


LULLO, Francesco. Progetto SERIALS: spoglio elettronico delle riviste abruzzesi. «AIB Notizie», 15 (2003), n. 6, p. III-IV
Copyright AIB, ultimo aggiornamento 2003-06-26 a cura di Franco Nasella
URL: http://www.aib.it/aib/editoria/n15/03-06lullo.htm

AIB-WEB | AIB Notizie | Sommario fascicolo 6/2003