[AIB]AIB Notizie 03/2004
AIB-WEB | AIB Notizie | Sommario fascicolo 03/2004


Benvenuti in valle d'aosta!!! - Bienvenue en vallée d'aoste!!!

Sabrina Brunodet

Devo confidarvi che un istante dopo aver avanzato la candidatura della Sezione Valle d'Aosta a ospitare la Conferenza di Primavera del 2004 sono stata colta dal panico, frutto, forse, di un subitaneo, ma ahimè tardivo, ravvedimento. I motivi di preoccupazione erano - e continuano a essere - i più disparati: la nostra è una Sezione piccola (un manipolo di soci appena, tutti fortemente motivati però) e giovane (si è affacciata alla vita al sorgere del nuovo millennio); il CER, poi, era stato rinnovato di recente, con un'infornata di nuovi componenti (andati ad affiancarsi ai due soli reduci del precedente mandato, il vicepresidente uscente - e subito riconfermato - ed io, nuovamente designata alla presidenza regionale) che avevano appena cominciato a masticare i meccanismi organizzativi dell'Associazione; e i soci, soprattutto, come avrebbero reagito all'eventualità di essere coinvolti, loro malgrado, nell'organizzazione di una manifestazione così complessa, dai contorni nazionali, anzi addirittura internazionali? È vero, avevamo vissuto la positiva esperienza del I Convegno regionale (che temerariamente avevamo definito "Odissea", inconsapevoli, allora, di cosa ci avrebbe riservato il futuro...), che aveva registrato oltre cento partecipanti, ma la Conferenza di Primavera è tutt'altra storia... Per non toccare il tasto, sempre dolente, dei finanziamenti: saremmo riusciti a convincere le amministrazioni locali, in primo luogo l'amministrazione regionale, dell'importanza culturale dell'evento che intendevamo organizzare tanto da indurle a concederci le risorse economiche necessarie? Mi ero proprio cacciata in un bel guaio e non potevo più tirarmi indietro...
Fortunatamente, dopo l'iniziale smarrimento, sono giunte le rassicurazioni dei colleghi del CER che, colti alla sprovvista, sono stati costretti, come si suol dire, a fare buon viso... (consentitemi di passarli in rassegna, con un affetto e una gratitudine infinita perché senza la loro collaborazione avrei dovuto gettare la spugna: Gianni Barbieri, Enrica Belloli, Luca Bortolazzi, la nostra segretaria Daria Covolo, il nostro vicepresidente Fulvio Vergnani e Richard Villaz). E il sostegno e l'incoraggiamento di molti colleghi Presidenti regionali; e, soprattutto, l'aiuto, insostituibile e preziosissimo, di Luisa Marquardt, referente del CEN per gli eventi. Con Luisa è subito nata una collaborazione che oserei definire "virtuosa" che in breve tempo ci ha condotte ad individuare dei temi forti, di grande attualità, capaci di attrarre e soddisfare le richieste formative di colleghi appartenenti a biblioteche di settori diversi: il multilinguismo e il multiculturalismo. Non poteva esserci argomento più appropriato per una regione, come la Valle d'Aosta, che storicamente affonda e feconda le sue radici culturali in un particolarismo locale contraddistinto da un solido e fiero bilinguismo. Anche solo dando una scorsa veloce al Programma del Convegno internazionale della Conferenza di Primavera, intitolato "Attraverso linguaggi e culture: biblioteche e multilinguismo", s'intuisce la ricchezza e la varietà delle tematiche che verranno affrontate dal punto di vista socio-culturale e biblioteconomico, in considerazione sia dei cambiamenti indotti dalla rivoluzione digitale in tutti i settori dello scibile umano, sia delle dinamiche in atto nella società che rischiano di creare nuove forme di esclusione. Un Convegno d'alto profilo, dunque, che ha saputo, con il prestigio dei suoi molti relatori italiani e stranieri, conquistarsi il pieno apprezzamento e il concreto sostegno della Direzione regionale Archivi e biblioteche, impegnata con la Sezione nell'organizzazione della manifestazione, nonché dell'amministrazione regionale e delle amministrazioni locali coinvolte. Consentitemi di porgere i miei - e di tutta la Sezione Valle d'Aosta - sentiti e tutt'altro che rituali ringraziamenti per la sensibilità culturale dimostrata nell'occasione al Presidente della Giunta regionale, il collega (e socio) Carlo Perrin; al Presidente del Consiglio regionale, Ego Perron; all'Assessore regionale all'istruzione e cultura, Teresa Charles; al sindaco della Città di Aosta (anche lui socio e collega), Guido Grimod; al Presidente della Comunità montana Monte Cervino, Sandro Théodule; ai sindaci di Saint-Vincent, Mario Borgio, e di Châtillon, Silvano Vesan; e, soprattutto, lasciatemi tributare un doveroso omaggio al Direttore della Direzione regionale Archivi e biblioteche, Joseph Gabriel Rivolin, che si è imbarcato con noi in questa avventura.
È quindi con malcelato orgoglio che desidero porgervi il mio benvenuto in Valle d'Aosta, una regione dalla consolidata vocazione turistica che saprà accogliervi con la generosità e la discrezione tipica delle popolazioni alpine. Mi auguro che conserverete a lungo il ricordo delle nostre adorate vette e, insieme, del nostro Sistema bibliotecario, costituito da una fitta rete di biblioteche dislocate su tutto il territorio regionale, tra le quali spicca la splendida Biblioteca regionale di Aosta. Per darvi un assaggio di ciò che potrete constatare de visu, alcuni colleghi hanno preparato un breve dossier sulla realtà bibliotecaria valdostana: vi lascio alla lettura dei loro articoli di approfondimento, con l'auspicio che possano invogliarvi a venire a constatare di persona...

s.brunodet@regione.vda.it


BRUNODET, Sabrina. Benvenuti in valle d'aosta!!! - Bienvenue en vallée d'aoste!!! «AIB Notizie», 16 (2004), n. 3, p. II.
Copyright AIB, ultimo aggiornamento 2004-04-13 a cura di Franco Nasella
URL: http://www.aib.it/aib/editoria/n16/0403brunodet.htm

AIB-WEB | AIB Notizie | Sommario fascicolo 03/2004