[AIB]AIB Notizie 10-11/2004
AIB-WEB | AIB Notizie | Sommario fascicolo 10-11/2004


Appunti sui lavori del Comitato IFLA FAIFE a Buenos Aires

Igino Poggiali

L’AIB ha per la prima volta un suo rappresentante nel Comitato FAIFE che ha lo scopo di promuovere le iniziative dell’IFLA sui temi della libertà di accesso all’informazione e della libertà di espressione. Sono questioni che contengono molte delle ragioni di essere delle biblioteche stesse e ci costringono a rileggere senza pregiudizi ed ideologie il profilo e i fondamenti della nostra professione.
Il Comitato collabora con molte altre organizzazioni che nel mondo si occupano di queste tematiche da vari punti di vista, buona parte delle quali si sono raccolte in una associazione denominata IFEX (http://www.ifex.org) nel cui sito chi è interessato a questi temi troverà informazioni e dati in grande quantità.
Le informazioni sulle attività del Comitato FAIFE e soprattutto le iniziative che nei prossimi mesi verranno promosse anche in Italia su questi temi saranno reperibili sul sito all’URL http://www.aib.it/aib/cen/ifla/faife.htm.
L’attività del Comitato si è dispiegata a due livelli: due sedute rispettivamente all’inizio e alla fine del Congresso e gestione di alcuni eventi nell’ambito dei lavori dello stesso.
Per quanto riguarda gli eventi si possono vedere le relazioni pubblicate sul sito del Congresso che saranno presto integrate da quelle giunte dopo l’inizio dei lavori. Si tratta delle sessione n. 97 dedicata ad una attività di studi incrociati tra FAIFE e la Sezione Library History, sulle vicende toccate alle biblioteche negli anni delle dure dittature sudamericane, e della 153, sulla informacy come strumento per il supporto all’accesso illimitato all’informazione nei paesi in via di sviluppo.
I membri del FAIFE sono poi stati invitati a collaborare ai lavori del President Elect. Alex Byrne, che subentrerà a Kay Raseroka dopo il Congresso di Oslo, ha scelto la parola Partnership come slogan del suo mandato confermando una grande continuità con l’intensificazione dell’accento sulle funzioni delle biblioteche come supporto ai processi di sviluppo e di ampliamento degli spazi di libertà dei cittadini.
Un altro evento importante è stato la presentazione del Theme Report 2004, http://www.ifla.org/faife/report/FAIFE-report2004.htm, una delle due pubblicazioni biennali del Comitato (l’altra è il World Report on Libraries and Intellectual Freedom, già uscita due volte, rispettivamente nel 2001 e nel 2003.
Nella prima seduta del Comitato, tenuta il 22 agosto, si è approvata l’agenda dei lavori in Buenos Aires e ci si è soffermati soprattutto sulle difficoltà finanziarie del Comitato al quale sono venute meno le risorse del Governo danese che avevano determinato per buona parte l’avvio e il lancio delle prime attività. Non sono emerse soluzioni significative, che non siano l’incremento del budget da parte del board dell’IFLA. Si è deciso comunque di confermare il piano strategico approvato in marzo 2004 ricercando parallelamente le risorse per realizzarlo.
Si è inoltre esaminata la relazione sulle ricerche di Stuart Hamilton, PhD finanziato dal FAIFE, che interverrà anche in una delle sessioni.
Nella seconda seduta, tenuta il 29 agosto, è stata affrontata in modo molto veloce la presentazione del Peer Review, processo di valutazione al quale progressivamente verranno sottoposte tutte le attività dell’IFLA ed è stato consegnato un rapporto scritto sullo stato dei lavori di tale attività che contiene anche un set di raccomandazioni relative alla miglior focalizzazione dell’impegno del Comitato rispetto agli obiettivi assegnati.
Si è affrontato poi lo stato dei lavori di stesura delle Internet Guidelines che dovrebbero essere lo strumento per l’attuazione di princìpi proclamati nell’IFLA Internet Manifesto approvato nel marzo 2002. L’obiettivo è di avere un draft entro febbraio 2005 e di procedere all’approvazione e alla consegna al Board dell’IFLA nel successivo meeting di marzo.
Il momento più teso della seduta è stato quello dell’esame della lettera dei dissidenti che avevano lottato contro le violazioni dei diritti umani nell’Europa orientale associati in una fondazione denominata People in need con sede nella Repubblica Ceca. La lettera riguardava il richiamo al FAIFE a intervenire contro le persecuzioni dei bibliotecari indipendenti in Cuba. Tra i firmatari Vaclav Havel ed Elena Bonner. Alla seduta erano stati ammessi anche rappresentanti dell’Associazione Amici delle biblioteche cubane, http://www.friendsofcubanlibraries.org/.
Dopo l’illustrazione della bozza di lettera di risposta del chairman Sturges si apre un animato dibattito al temine del quale il Comitato richiede la riformulazione della lettera sulla base delle precisazioni richieste sia dall’associazione suddetta sia da vari membri del Comitato, tra cui Marta Terry Gonzales, bibliotecaria cubana, membro del Comitato FAIFE.
Sturges passa poi a illustrare il progetto di pre conference da tenersi in occasione del Congresso di Oslo che verrà dedicato al tema Biblioteche e diritti umani e ricorda che il FAIFE è coinvolto nel World Summit on Information Society http://www.itu.int/wsis/ che si concluderà a Tunisi il 16-18 novembre 2005. Dai suoi lavori ci si attende una ridefinizione di molte politiche relative alla libertà di accesso dei cittadini di ogni paese all’informazione sia come consumatori che come produttori. Temi convergenti sono le questioni del copyright, lo sviluppo dell’industria culturale, il sostegno alle traduzioni.

poggiali@aib.it


POGGIALI, Igino. Appunti sui lavori del Comitato IFLA FAIFE a Buenos Aires. «AIB Notizie», 16 (2004), n. 10-11, p. II.
Copyright AIB, ultimo aggiornamento 2004-12-19 a cura di Franco Nasella
URL: http://www.aib.it/aib/editoria/n16/0410poggiali.htm

AIB-WEB | AIB Notizie | Sommario fascicolo 10-11/2004