[AIB]AIB Notizie 5/2005
AIB-WEB | AIB Notizie | Sommario fascicolo 5/2005


Parole chiave: biblioteche, bibliotecari
keywords: libraries, librarians

a cura di Maria Grazia Corsi e Francesca Servoli

Dalla ricerca nel Web per parole chiave sulla stampa quotidiana e su quella periodica nazionale e internazionale



Il futuro delle biblioteche biomediche
La diffusione di Internet ha trasformato il modo attraverso il quale le biblioteche forniscono servizi informativi e c'è già chi si chiede come sarà il futuro delle biblioteche biomediche da qui a un decennio. Una previsione in tal senso è stata effettuata dalla prestigiosa rivista scientifica «New England Journal of Medicine», con un articolo che "proietta" l'attuale situazione al 2015. Se è fin troppo scontato che la rete diverrà il principale mezzo di reperimento delle informazioni a carattere medico-scientifico, sarà d'altro canto interessante capire con quali mezzi i medici, i ricercatori e gli stessi pazienti potranno accedere a queste informazioni. L'articolo ipotizza non solo i personal computer o i network delle strutture ospedaliere e dei centri di ricerca, ma anche i più comuni palmari o i telefonini dell'ultima generazione, permettendo quindi un accesso in tempo reale a qualsiasi argomento o notizia. Da ciò deriva che in futuro l'editoria specializzata sarà in larga parte di tipo elettronico, o forse esclusivamente elettronica, con una forte compressione dei costi e dei tempi di diffusione delle informazioni. Malgrado ciò, la biblioteca manterrà un'importanza centrale come luogo di frequentazione ed accesso primario alle fonti conoscitive: con la minore necessità di spazio per i libri (eccezion fatta per i più antichi e preziosi) e una maggiore capacità di accoglienza degli utenti.
The future of medical libraries,
New England Journal of Medicine
2005, 352(11), p. 1067-1070


Catalogare i "libri resistenti"
La Biblioteca comunale di Rovato e l'Associazione nazionale partigiani d'Italia hanno dato vita a un progetto comune per celebrare il 60° anniversario della Liberazione. Il progetto "Libri resistenti" prevede una bibliografia completa e ragionata delle numerosissime pubblicazioni legate al tema della Resistenza presenti all'interno del catalogo collettivo delle biblioteche delle province di Brescia e Cremona. Vista la notevole quantità di materiale inserito, è prevista la suddivisione in sottosezioni tematiche: la Resistenza in Italia e le esperienze partigiane in Francia, il contributo delle donne contro il fascismo, altri movimenti nati in Europa contro il nazi-fascismo, la storia della Repubblica sociale italiana, nonché i libri per ragazzi dedicati al tema della Resistenza. "Libri resistenti" sarà fruibile da tutti gli utenti delle biblioteche del catalogo collettivo, con indicazioni precise sull'ubicazione dei volumi e la possibilità di riceverli direttamente presso la struttura bibliotecaria del proprio paese tramite il prestito interbibliotecario.
Giornale di Brescia, 22 marzo 2005

Illuminismo in mostra alla Biblioteca di Fabriano
Nell'ambito del progetto culturale "Collectio Thesauri" per la valorizzazione del patrimonio delle biblioteche storiche marchigiane, presso la Biblioteca comunale di Fabriano è ospitata la mostra "La cultura enciclopedica dell'Illuminismo. Il secolo dei Lumi in mostra", con l'esposizione dell'edizione più rara dell'Encyclopédie di Diderot e D'Alembert. La mostra si terrà sino al 30 aprile e si aggiunge agli eventi in corso presso la Mole Vanvitelliana di Ancona e a Palazzo Pianetti a Jesi.
Il messaggero, 10 aprile 2005

Bi-bliò, ovvero la biblioteca per i più piccini
Inaugurata a Roncadelle la nuova biblioteca "Bi-bliò", dedicata esclusivamente ai bambini di età compresa tra zero e otto anni. Nella stanza principale trovano spazio gli scaffali per i libri, tavoli e sedie per la lettura e un piccolo angolo per i giochi di animazione, mentre altri spazi in locali adiacenti sono stati appositamente destinati ai più piccoli. L'allestimento della nuova biblioteca è un ulteriore tassello del progetto "Nati per leggere" avviato dall'amministrazione comunale di Roncadelle circa un anno fa. L'obiettivo ispiratore del progetto è stato la volontà di favorire la lettura ad alta voce da parte dei genitori verso i bambini e la struttura appena inaugurata potrà ospitare ulteriori iniziative culturali ed educative specificatamente dedicate al mondo dell'infanzia.
Giornale di Brescia, 24 marzo 2005

Al via il portale "Internet culturale"
Con un progetto finanziato dal Comitato dei Ministri per la Società dell'Informazione (CMSI) nasce "Internet culturale", un portale della Biblioteca digitale e del Network turistico culturale con l'obiettivo di rendere accessibili, attraverso Internet, gli archivi della rete bibliotecaria nazionale, permettendo quindi l'accesso a numerosi servizi online, come la localizzazione di un libro, la verifica della sua disponibilità per la lettura o il prestito, le informazioni sulla biblioteca che lo possiede o la stessa attivazione del prestito.
Il portale, che inizierà a funzionare a pieno regime entro il prossimo autunno, è visitabile all'indirizzo: http://www.internetculturale.sbn.it.
Il mattino, 23 marzo 2005

Roma ricorda Vitaliano Brancati
A cinquant’anni dalla morte dello scrittore siciliano, si è tenuta a Roma la mostra "Dalla Sicilia all'Europa: l'Italia di Brancati", nell'ambito del ciclo espositivo “Da libro a libro: le biblioteche degli scrittori”. Le diverse sezioni della mostra, oltre a ripercorrere l'intero itinerario culturale di Brancati, hanno offerto un’interessante ricostruzione dell'ambiente culturale in cui visse e lavorò lo scrittore. Le letture, i rapporti con gli intellettuali del tempo, l'attività condotta per il teatro e il cinema offrono una visione complessiva di una delle più interessanti figure del panorama letterario italiano del dopoguerra.
Il messaggero, 24 marzo 2005

Libri ebraici perduti
Si è svolta ad Hannover il 10 e 11 maggio 2005 la Seconda Conferenza internazionale "Libri ebraici perduti": un'occasione importante per celebrare i ritrovamenti già avvenuti e per fare il punto delle ricerche ancora in corso.
Ha partecipato anche una delegazione della Commissione italiana, istituita dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri con il compito di ripercorrere le vicende subite dalla Biblioteca della Comunità ebraica di Roma, razziata dai nazisti nel 1943.
La biblioteca possedeva materiale di inestimabile valore storico e documentario, da opere del Cinquecento a manoscritti, tutto quanto si era andato accumulando tra il 1500 e il 1800 nelle cinque sinagoghe e tra le trenta confraternite che si trovavano nel ghetto.
Quando, nell’occupazione del 1943, i nazisti depredarono tutto, di quel patrimonio si è persa traccia, e la partecipazione alla conferenza si spera abbia promosso lo scambio d’informazioni e la collaborazione internazionale per continuare la ricerca.
http://www.governo.it

Dai comunicati
ricevuti in redazione


"Grazie Gutenberg, ma... La stampa a grandi caratteri"
Inaugurata a Torino una curiosa mostra sulla storia della tipografia a grandi caratteri: "Grazie Gutenberg, ma...". Il percorso muove dalle origini del testo scritto, fino a giungere ai volumi attualmente editi in corpo 16 e 18 e si propone di illustrare, grazie all'apporto di numerosi studiosi, la storia della tipografia a grandi caratteri quale ambito editoriale specifico volto ad agevolare al massimo la comprensione da parte del lettore. L'esposizione sarà visitabile sino al 15 luglio 2005 alla Biblioteca nazionale universitaria, in piazza Carlo Alberto n. 3.
http://www.bnto.librari.beniculturali.it/setcult.pdf

Premio Möbius assegnato al sito della Biblioteca Sala Borsa
La nona edizione del Premio Möbius Lugano 2005 è stata vinta, per la categoria Biblioteche, dal sito web della Biblioteca Sala Borsa di Bologna.
L'iniziativa, promossa dalla Città di Lugano, sede di una Facoltà di Scienze della comunicazione, e dalla Radiotelevisione svizzera di lingua italiana insieme al Prix Möbius International della Comunità Europea, intende fornire un'occasione qualificata per far conoscere i prodotti multimediali realizzati da editori dell'area linguistica italiana e per allargare la loro visibilità e notorietà in ambito locale e internazionale.
Il Premio Möbius Lugano intende promuovere la cultura dei prodotti multimediali interattivi convinti che essi rappresentino una conquista importante per migliorare la diffusione delle conoscenze e del sapere.
http://www.moebiuslugano.ch/
http://www.bibliotecasalaborsa.it/home.php

Bibliobox: mini-biblioteche nei centri per tossicodipendenti
È stata siglata la convenzione tra il Campidoglio (Assessorati alla cultura e alle politiche sociali), l'Agenzia comunale per le tossicodipendenze e il Sistema biblioteche e centri culturali, per un sistema integrato di piccole biblioteche denominato “Bibliobox”: dieci mini-biblioteche che verranno allestite presso altrettanti centri di trattamento per tossicodipendenti in diverse zone della città. Scopo del servizio: favorire l’accesso dei tossicodipendenti alle pubblicazioni dell’Istituzione Biblioteche e promuovere la crescita culturale e civile di tutta la comunità urbana.
http://www2.comune.roma.it/cultura/biblioteche/

MECME digital library
MECME DIGITAL LIBRARY (Mediterranean Coastal Marine Environmental Digital Library) è una biblioteca digitale contenente documenti di letteratura grigia editi e contenuti presso la Biblioteca dell’Istituto dell’ambiente marino costiero, Sezione di Taranto, con aree tematiche di biologia marina, oceanografia, microbiologia marina e monitoraggio dell’inquinamento marino.
MECME-DL fornisce informazioni bibliografiche e documenti full-text, di diversa tipologia (rapporti tecnici, preprints, tesi, ecc.)
L’accesso ai documenti è libero. Il sistema è basato sul Dublin Core mapping (RFC 1807 metadata) e Protocollo Dienst.
(Maria Filippi)

http://istiserv.isti.cnr.it

***

Contro la censura in biblioteca
Una prestigiosa casa editrice italiana (Einaudi) pubblica un libro di Virginie Despentes intitolato Scopami. Il Ministero del lavoro e delle politiche sociali include questo libro in un elenco di testi consigliati agli adolescenti nell'ambito della campagna contro la droga "Il vero sballo è dire no". Una biblioteca comunale collocata all'interno di una scuola acquista il libro. Un'utente della biblioteca, una ragazza di quattordici anni, chiede e ottiene il libro in prestito. La bibliotecaria che ha autorizzato il prestito viene per questo denunciata ai carabinieri e condannata dal giudice per le indagini preliminari al pagamento di una multa ai sensi dell'art. 528 del codice penale: l'opera sarebbe oscena e la bibliotecaria colpevole di averla fatta circolare. La vicenda è cominciata nel 2000 ed è tuttora in corso. L'interessata ha presentato opposizione alla condanna, e tutta la comunità bibliotecaria attende con fiducia l'esito della causa (la prossima udienza è fissata per giugno 2005): l'esame attento degli elementi di fatto e di diritto non potrà che portare alla piena assoluzione.
L'AIB intende esprimere la propria posizione, in rappresentanza di tutti i bibliotecari italiani, a difesa del diritto di accesso all'informazione e della libera circolazione dei documenti, attraverso un appello (disponibile a partire da http://www.aib.it/aib/cen/cens.htm) da divulgare e far firmare a tutti i cittadini sull'apposita dichiarazione di adesione, facendo opera di stimolo e di sensibilizzazione affinché sia rigettata ogni forma di censura e difeso il diritto all'informazione per tutti.

Il CEN ha costituito un gruppo di coordinamento delle iniziative, locali e nazionali, sui temi della censura e, in particolare, sul caso della bibliotecaria condannata. Il gruppo è composto da: Rosa Maiello, Antonella Agnoli, Patrizia Lucchini e Vittorio Ponzani. Si invitano pertanto tutti i soggetti interessati a fare riferimento a tale gruppo per qualsiasi iniziativa o azione di sostegno e di solidarietà si intenda intraprendere.


***
Omaggio a Enrico Sorrentino

Il 13 febbraio se ne è andato, con la discrezione di sempre, Enrico Sorrentino.
Mettere nero su bianco il ricordo di Enrico è difficile perché emozione e coinvolgimento personali prevarrebbero su una esposizione lucida.
E, dal lato opposto, sarebbe troppo scarno limitarsi a ricordare il suo percorso professionale – il ruolo prima di bibliotecario, poi di responsabile della Biblioteca provinciale di Roma fino al 2002, e, successivamente di responsabile dell’Ufficio per il protocollo informatico – perché non verrebbe resa giustizia all’impegno, alla passione civile, alla generosità, alla serietà professionale che hanno sempre sostenuto le sue scelte.
Riportiamo alcune brani scritti da Enrico, tratti dall’ultimo suo appassionato contributo, per l’VIII Convegno nazionale sulle biblioteche provinciali, che parlano meglio di qualunque nostro sforzo per ricordare un amico che di sé ha sempre avuto il pudore di voler dire molto poco.

(Daniela Mazzenga)

***

l’archivio o della perfezione del male

e allora parlerò. parlerò, anche perché voi non possiate pensare che chissà quali cose sagge io possa avervi taciuto.
dirò di noi, di voi, di me, dei libri e dei documenti.del nostro loro lavoro. delle biblioteche e degli archivi. trascurerò le colpe e le timidezze delle prime, e tacerò. tacerò dell’ignoranza dei secondi, e parlerò.
frammenti unione dell’insieme della conoscenza, biblioteche e archivi condividono vita al pari uguale e diversa: ignorate e ignorati spesso nella sostanza istituzionale, conducono ciascuna e ciascuno la propria dignitosa vita e funzione sociale: ricorrenti e citati nell’astratto letterario, assolutamente meno risonanti nella realtà del valore delle zucchine al mercato, cibo invero accettato da alberto verduco solo se accompagnato da tortillas di farina di grano. spirito e materia organicamente tessuti, urlano silenziosi e trasfigurati nel rumore del mondo che brucia, e con lui le sue carte. la guerra fa il deserto e lo fa memoria del potere dominante.
triste mondo il nostro, dove la libertà vola sulle ali dei missili, e la conoscenza è un documento falso.
e allora si va nelle biblioteche a cercare le fantasie di nietzsche o il pensiero di tolkien fatto spettacolo, ma non si va nell’archivio di stato a cercare il fascicolo del proprio nonno schedato dalla polizia fascista.
a volte il passato occupa la città per giorni interi, così che le strade del secolo precedente si sovrappongono alle attuali.
il passato, magazzino del tempo, continua a incombere, e, condizione al contorno, realizza il futuro che, come antimemoria, cerca il suo luogo di elezione dove depositare, oscillante strumento di potere, ambiziosa e relativa conoscenza e libertà
[…]

Pubblicato in:
Biblioteche provinciali e archivi: la sezione locale e la memoria del territorio, VIII Convegno nazionale, Pescara, 23-24 settembre 2004. Atti a cura di Dario D'Alessandro. Roma: AIB, 2005.122 p. ISBN 88-7812-177-0.

mgcorsi@yahoo.it
servoli@aib.it


CORSI, Maria Grazia. SERVOLI, Francesca. Parole chiave: biblioteche, bibliotecari = keywords: libraries, librarians. «AIB Notizie», 17 (2005), n. 5, p. 4-5.

Copyright AIB, ultimo aggiornamento 2005-06-08 a cura di Franco Nasella
URL: http://www.aib.it/aib/editoria/n17/0505keywords.htm

=