Stampa pagina Seguici AIB su Facebook AIB su Twitter

Le professioni dei beni culturali fra riconoscimento e formazione

2. Congresso nazionale MAB

Roma, 19 e 20 novembre 2015
Sala Conferenze della Biblioteca nazionale centrale

  In collaborazione con BNCR        Con il contributo della Direzione Generale Biblioteche e Istituti Culturali       Con il patrocinio di Regione Lazio
BNCR logo_dgbic logo_rl

AIB, ANAI e ICOM Italia – le associazioni fondatrici di MAB, il coordinamento fra professionisti di Musei, Archivi e Biblioteche aperto anche ad altre organizzazioni di operatori del patrimonio culturale – si propongono di compiere un passo in avanti nella comune riflessione su due nodi cruciali, e tra loro strettamente interconnessi, della loro identità: le forme di riconoscimento delle professioni degli operatori del patrimonio culturale e i modi della loro formazione.Con questo convegno, da un lato intendono affrontare la questione di come giungere al riconoscimento delle diverse professioni del patrimonio culturale e, dall’altro, analizzare quali processi possano costituire il più efficace raccordo tra formazione e lavoro. Al centro del confronto sarà posta l’innovazione: l’innovazione dei saperi e dei saper-fare necessari a rispondere alle opportunità introdotte da uno sviluppo tecnologico che ha trasformato e continua a trasformare il mondo in cui operiamo e viviamo.Archivisti, bibliotecari e operatori museali si propongono di riflettere insieme su un modello di formazione comune che dilati gli spazi di dialogo, di scambio, di ibridazione fra saperi in una prospettiva che, nel rispetto delle differenze, promuova nuovi approcci e nuovi contenuti, che diano forza alla sempre più indispensabile integrazione delle loro competenze.L’irruzione massiccia delle nuove tecnologie negli archivi, nelle biblioteche e nei musei, da una parte ci sfida a impadronirci delle competenze necessarie per fare in modo nuovo cose antiche e, dall’altra, apre inedite possibilità di realizzare esperienze del tutto nuove o ancora poco sperimentate, di conservazione, di documentazione, di comunicazione e condivisione del patrimonio culturale.La formazione professionale promuove in maniera ancora insufficiente un approccio che vada oltre il semplice confronto tra discipline e processi che costituisce invece un fattore chiave nell’esercizio di attività che accomunano i nostri istituti e le nostre professioni in un quadro complessivo che sollecita con sempre maggior urgenza la tutela, la valorizzazione, la gestione integrata del patrimonio culturale.Il tutto nel quadro di una marcata vocazione sociale e non solo culturale degli istituti che ha a che fare con il diritto all’informazione, con la conoscenza identitaria, con il confronto tra culture e con la formazione permanente per tutti. Le associazioni professionali che hanno anche la funzione di attestare le competenze dei professionisti sono fortemente chiamate a disegnare un nuovo cammino, in un contesto di confronto.Partendo da queste considerazioni, in occasione del congresso del 19-20 novembre 2015 le associazioni riunitesi nel coordinamento MAB proporranno, a conclusione dei lavori, una proposta di offerta formativa.Tutte le informazioni e il programma completo sono disponibili a <http://www.mab-italia.org/index.php/congresso-2015/programma>.La partecipazione al congresso è gratuita, ma è necessario iscriversi entro il 16 novembre 2015, compilando il modulo presente a <http://www.mab-italia.org/index.php/congresso-2015/iscrizione>.

URL: https://www.aib.it/attivita/congressi/2015/52330-2-convegno-mab/. Copyright AIB 2015-10-28. A cura di Vanni Bertini, ultima modifica 2015-11-04