Stampa pagina Seguici AIB su Facebook AIB su Twitter

Carlo Revelli – Testimony

[ENGLISH]
In a museum at the island of Man I saw a stuffed wild goose, a bird which died out in nineteenth century. According to my opinion, my presence here in this occasion offers some analogy: the last specimen of card cataloger, albeit not yet stuffed, a species died out in twentieth century. An emblematic presence, let us say, at the opening of a conference about the complicated problems of present cataloging, a presence which could be understood as an invitation to envisage those problems in their historical development, where you could catch a glimpse of embryos or desires which previously were beginning to grow; a not always acknowledged occurrence, when solutions present or conjectured in the past are regarded as absolute novelties. Well, I remember an old african saying: whether the bough wants to blow, it must honour its own roots. And obviously you must know what you honour. You must have knowledge of past in order to wholly recognize the reasons of present, in a continuance where present is implied to become past in its turn. Only in this way you will avoid the deadly danger of regarding present as an ultimate aim, as if it were the last stage of a way to perfection, rather than a stage in an evolving process. Surely, it may make a large difference in evaluating the relation between past and present, above all from generation to generation, but if you are acquainted with organization of card catalog, you will be able to weigh what you have to get rid out, or to modify in favour of new ways to be approached according to new possibilities, what corresponds to information needs, they too in movement because tied to a changing culture, of which technological side is an essential, but surely not exclusive part.

A distinctive feature of today culture is subduing of differences. Peculiarities of types of libraries are somehow limited, such as for instance to admit generic users in a university library, and this is also valid for school libraries, or for joining together in a system the different libraries in a territory, with common availability of their resources. This subduing, according to some opinion, has brought about the fall of a distinction of libraries by type. On the contrary, this occurrence shows, according to my opinion, their raison d’être, the fundamental aims of each library. The university library shall strenghten its peculiarity, its very reason on account of intensified relations with university: today we speak properly of learning centers, while the possibility to approach from outside shall confirm how much the system is important without cancelling, on the contrary emphasizing it, the definition of its type. And this is true for school libraries and for public libraries. We shall find a parallel phenomenon inside the library, where the definition of catalog as regards resources stretches indefinitely, and where the difference among distinctive classes of access points might be eliminated or sudbued. Now, albeit it could be true that the kind of an access point is wholly indifferent in order to research, provided it agrees with the system, the organization of the catalog shall still justify a preferred access both for type and form. It is however a very remarkable subduing of a traditional distinction which is not a real novelty, in that a subduing of difference took place already by degrees at the time of card catalog.

Changes in cataloging, tied to transformation and multiplication of supports, do not leave out the ground of classic line marked out by Cutter since the mythical year 1876. The increased forms of publications had suggested, in the half of past century, a plurality of rules for description of some kinds of publications, however within a general rule. Further increase of kinds of publications obliged to give up distinctive rules for single kinds. But it was a matter, however, of different types leading back to consider the document, an acceptable term for presenting a content, might it be textual, sound or figure medium. An entity which might be not independent physically, for instance within a miscellaneous or periodical publication. The traditional reference to resources kept in a library or in a system of libraries, overcome by the possibility to point out exterior objects, has given rise to doubt about the validity of that term, perhaps still acceptable when referred to a text or to an entity wholly describable. But now we can recover electronic documents from the outside and link up with other sources of information, fixing an intercourse  between data of the library and resources of the net, and we shall be able to question other data banks. Moreover whichever object or part of an object, with various access points and connections, may complete the dilution of document into an indefinite variety as to justify the term resource, dreadful according to my opinion, a term perhaps too much wide in replacement of a by now too much narrow one. A phenomenon besides well known in language field, when in a sense of the right moment we prefer to replace a specific term with a more inclusive one. Horizon becomes larger, as Chris Oliver writes[1], and RDA goes much farther the library catalog.

However present electronic catalogs answer still prevalently to  traditional functions, but here it is not a matter of replacing an old tool with a new one only to do the same work better and more quickly, as it happened before when the typed card replaced the handwritten card and afterwards with mechanical duplication of cards, though cataloging technics also in those occasions underwent sometimes deep changes. The object of catalog changes in the present case or, still better, its object stretches, and often a resource is not merely marked in order to allow its recovery, but it is possible to recover it directly. The renewal of cataloging technics is meaningful, in that horizontal, linear development of information about the document, with possible alternative access points, is replaced by circular access, which Vannevar Bush formerly recognized about seventy years ago as innate in our forma mentis. A change perhaps not yet fully noticed, but that is destined to become successful with  real diffusion of RDA and application of FRBR. But we are beginning: it is not a case that the moment of uncertainty about adoption of a new software be tied to results of application of RDA. Today we are still prevailingly in the period of application of rules based on paper tradition, where the term document might be still consented, may be twisting a little its definition. In short, paper tradition is still prevailing in cataloging rules after the coming of computer and necessary transformation requires a change in outlook and some time, because the path of transition follows a complex and not brief course. A sweet transition, according to Oliver, who balances a flexibility necessary to future with a necessary continuation compared with past. According to Liz Miller RDA shall be applied to large libraries and “widespread implementation is likely to be gradual and take several years”[2]. On the contrary, many libraries are expected to continue with AACR2 (albeit its dilatability remains narrow); RDA is plainly consistent with AACR2 when its scenery is just bound to library, and in this we notice the presence of tradition, however inside a wider universe. I am speaking obviously of outcomes with patrons, and surely not of scientific concern for new problems from librarians. In a letter to “School library journal” (Nov.2013, p.8) a reader points out that librarians owing to the coming of technology are inclined to neglect the traditional library, whereas most people still look for books. I would say moreover that consequence of electronic technology on present use of catalog from patrons is noteworthy: it is less frequently used, with a largerly prevailing search by known item and a poor interest for subject indexing. Alternative options to information request have altered heavily the traditional resort to reference works and consequently to information service, but have involved also the use of catalog, which, according to Illien, is not any more the fulcrum of library, but shares its function with other information channels[3].

It is suitable to envisage an organization of information which allows speedy research, and today particularly that condition is peremptory, when we think of possible outward alternatives. An acknowledgment which is besides well living in tradition, as Ranganathan’s fourth law confirms: Save the time of the reader. This is a principle deeply rooted in cataloging tradition, as I said before, where the limit of the linear information is anyhow subdued by alternative headings. FRBR with its structure strengthens a circular view of information, which has well living and clear roots in history of  cataloging, but which is wholly applicable only in our new technological position. The speed of research is now assured, and we must insist on the necessity to speed up the other side of information, namely the time required to fix the data valid for research and to organize them. First of all economic reasons, aiming at cost reduction, involve both reduction of working time and of number of employed people, principally due to network retrieval of catalog entries as a whole or, when be fitting, with possible changes or increases. In short, speed is required first of all when information is made ready. Therefore the ancient praises of slowness contradict present needs, where however application and recognition of access points and links envisaged by FRBR, completed with semantic side of information, may find a contrast with requirement of speed. We must not mix up speed with superficiality: it is a requirement even more indispensable today compared with past, which nevertheless must be brought to look for the needs of research, obliged to lessen in cause of improper speed during the preparation of catalog. Surely I do not wish to suggest a praise of slowness, such as we could find in Luis Sepùlveda’s new book about a snail which discovered the importance of slowness. Problems interwist: surely, if you retrieve network information you are free from the ties of a strictly local organization, but on the contrary a local or local system organization might envisage also resources requiring a peculiar care. We may see as sometimes the old saying festina lente, with its appearance of oymoron, which I prefer to translate as “hurry cautiously”, conciliates in one way its terms. Search by keywords present in description or even in the whole text might be an often useful option as to unified terms of subject access points, but might come out harmful just for its speed, also in account of widespread resources, which easily opens the way to casual retrieval compared with a whole retrieval, at least in theory, followed by inside choice.

Today we notice much more considerably the subduing of boundaries among the various spheres of activity in library organization, even about cataloging. Let us be clear: it was always inadequate an aseptic consideration of cataloging without valuing how results are used, without any recognition of research needs, at risk of a wise closing where the purpose of cataloging stood in itself, with useless plays with theoretically possible references but unlikely request, with surely possible expansions but as much unlikely request – I am thinking of some complicated specifications in the expansion of class 8 in DDC. Librarians have been always conscious of usefulness of controlling how catalogs are used, but frequently they did not carry out any control. The acknowledgment of user-centered service is tied today to social change together with technological change, but central position, always existent (is it necessary referring to Naudé, Borromeo and many more others?), is looking at the same time like confirmation in a new position, but surely not absolute originality. Borders among various activities have never been stiff, but evolution has farther subdued a formerly feeble distinction. As to catalog, its structure and its rules are more clearly conditioned by its function and by users. In consequence of emphasized regard for users the whole of cataloging is plunged in the stream of service, so that its usefulness comes out stressed. According to a recent enquiry in an english university library about the consideration of modern librarian’s professional skills, the problems of subject research, or subject expertise, appear among some few regarded as fundamental[4]. And at this point the gaps of FRBR and RDA are waiting for necessary completion. Perhaps in the past age card catalog enjoyed a quantitatively excessive weight, not always matched with quality of use, but today we haven’t to run the risk of neglecting the opposite direction: catalogers, according to Cerbo, are a connection in the chain which aids to obtain information[5]. We must drive back the trend to consider cataloging as a minor problem, which goes so far as to do away with it in programs of professional training: in effect aid to search, and still first a regard of probabilities of search bind the librarian, even if he is not expressly employed in catalog maintenance. And this may be envisaged as another confirmation of further subduing of boundaries about varied aspects of work in a library, aspects which were never clearly distinguished except when someone forgot that the first library system is library itself, in its whole.

A trend towards absolute unification, relating to a universal catalog in order to allow access to information about the whole of existing publications was recognizable in the culture of card catalog. A utopian idea, surely, however based on existence of a quantity in the same time indefinite and constantly growing, but at least theoretically definible. New ways of communication might lead to think of a nearer solution, but an emphasized acknowledgment of request variety has been made heavy by acknowledgment of resources alien to traditional document types, with outcome of a reversed trend. Conflict between universality of information and local chances arises again in a new form, with rules which make easier links and cross retrieval. Let us take again the trend towards international rule: conflict between  universal idea and local choices has always existed and its exasperation due to local decisions on account of wholly personal, not tied to environment opinions, decisions which have been always dangerous, surely must be rejected; nevertheless we cannot give up to admit local cultures and needs of specific libraries. The trend to convergence towards a global unification of information about a definible set of objects, a unification anyhow conjectural owing to undefinable quantity, is neglected in favour of a diversification answering to individual needs, with many possible local choices for description, determination of access points and even for choice of resources. RDA subdues, or quite cancels, this distinction, when admits flexibility at international level, in order to allow not only translation, but adaption to local needs, and finds a suitable balance between contrasting requirements. But it is right to remember here the present carrying out of DPLA (Digital Public Library of America), a long term project described by Robert Darnton[6]. And perhaps the problem of whole unification shall be reproposed in a far future at a higher level. But navigation in science fiction is not good, particularly for a card cataloger. The dilemma of universal cataloging rules is re-proposed in this evolution. They are acceptable where a universally valid code can take up variations of languages and first of all of local cultures, alternately to a common standard pertinent to principles, to be afterwards developed according to local needs. Besides a trend to stress international look compared with anglo-american use is a well known principle, in particular in DCC. Perhaps a clear distinction in the contrast between evolutionary and revolutionary sides is not suitable. The evolution of problems about the constantly developing kinds of resources, with their access points and links, looks charming when seen by an old cataloger, so that it reminds of Wunderkammer. This appearance of wonder is unknown to young people, who deal straight these problems, which are obvious for them. It is the feeling of marvel – and of mystery – when someone touches  cautiously the keys of an instrument which his granchild handles at his ease. But we may get some contribution from old experience. Information glut, which stroke a researcher in front of too many cards with the same heading, so that he in practice could not consider them wholly, may even allow to protract inspection within certain limits, but anyhow shall be a bond of whole inspection. And although a whole inspection, at least in theory, was possible in old times, in the new situation an indefinite access to an open archive shall confirm the limits of information, where deepening, widening and connections shut out a priori the whole of information. And here quantity in itself comes out to be a limit, where librarians may act as an aid to search.

Surely, difficulty of definition is still deep and definition itself is bound to undergo slidings and contradictions while civilization evolves. A sliding of definition does not regard only catalog, but library and hence librarian. Information is all? And outside options for organizing and requesting information increase doubts about the vitality of library, that in its turn looks for justifications widening the sphere of consolidated duties, which sometimes are really disregarded. Whereas, on the contrary, librarian is inclined to be deemed exclusively as an information broker. Therefore we must recognize what distinguishes both institute and profession, we must recognize the characteristics of library and librarian inside a variegated whole. Dilution of boundaries must not fail to appreciate peculiarity. Catalog does not escape this dilution of boundaries; surely, it does not limit itself any more to organize information to be found in material collected in one or in many libraries. What is requested to new catalog, if we may still accept this name? Which shall be its extent? Shall one distinguish between retrieval of document (or resource) entry and direct retrieval of document? Which shall be the connection of an online catalog in the net with network in its whole? Sed de hoc satis: more than enough. These are old thoughts of an old, curious librarian, grateful for your patient attention.


[ITALIANO]
Ho visto in un museo dell’isola di Man l’esemplare impagliato di una grossa oca selvatica estinta nel diciannovesimo secolo. Trovo che la mia presenza in questa occasione abbia qualcosa di analogo: l’ultimo esemplare di catalogatore cartaceo, sia pure non ancora impagliato, estinto nel ventesimo secolo. Una presenza emblematica se vogliamo, nell’apertura di un congresso volto alla complessa problematica della catalogazione attuale, una presenza che potrebbe essere intesa come un invito a considerare questa problematica nel suo sviluppo storico, dove si intravedono embrioni o desideri che già in precedenza incominciavano a prender forma e che non sempre vengono riconosciuti, quando si presentano come novità assolute soluzioni già presenti o ipotizzate nel passato: ecco, viene in mente l’antico detto africano che se il ramo vuole fiorire debba onorare le proprie radici. E per onorarle, ovviamente, bisogna conoscerle. Occorre la consapevolezza del passato per riconoscere compiutamente le ragioni del presente, in una continuazione dove si sottintende che il presente è destinato a sua volta a diventare passato, evitando così il pericolo mortale di considerarlo fine a sé stesso, quasi il termine finale di una via alla perfezione, anziché come fase di un processo evolutivo. Certo, la valutazione del rapporto tra il passato e il presente può essere assai difforme, soprattutto a livello generazionale, ma la conoscenza delle soluzioni offerte dal catalogo cartaceo consente di valutare quali di esse siano da eliminare oppure da modificare per lasciare spazio a nuove vie di accesso in conseguenza delle nuove possibilità, quali rispondano a esigenze informative, esigenze anch’esse in movimento in quanto corrispondenti a una cultura in movimento, nella quale l’aspetto tecnologico è essenziale ma non certo esclusivo.

Una caratteristica della cultura odierna consiste nell’attenuazione delle differenze. La tipologia delle biblioteche vede in certo modo una limitazione delle caratteristiche singole, come ad esempio l’apertura della biblioteca universitaria a un pubblico indifferenziato, caso che essa ha in comune con la biblioteca scolastica, o come la possibilità di collegare in sistema le biblioteche esistenti in un territorio con la disponibilità comune del loro contenuto; attenuazioni che hanno fatto cadere a detta di alcuni le ragioni di una distinzione tipologica. Invece è proprio questo fenomeno a porre in evidenza, a mio parere, le ragioni prime della loro esistenza, le finalità essenziali delle singole biblioteche. La biblioteca universitaria rafforzerà le proprie motivazioni e le stesse ragioni della propria esistenza grazie a un rapporto intensificato con l’organizzazione universitaria: non a caso si insiste oggi sui learning centers, mentre la possibilità di accesso dall’esterno confermerà l’importanza del sistema senza annullare per questo, anzi accentuandola, la definizione tipologica. E così per la biblioteca scolastica e per la biblioteca pubblica. Un fenomeno analogo troviamo all’interno dell’organizzazione bibliotecaria, dove la definizione del catalogo per quanto riguarda il materiale di riferimento si estende in misura indefinita, e dove all’interno del catalogo si giunge all’eliminazione o a un’attenuazione della distinzione tra le categorie dei punti di accesso. Ora, è pur vero che ai fini della ricerca è del tutto indifferente la qualità del punto di accesso, purché esso sia accettato dal sistema, ma ragioni organizzative renderanno ancora opportuno un accesso preferito sia per il tipo che per la forma. Si tratta comunque di un’attenuazione assai notevole di una distinzione tradizionale che, se vogliamo, non costituisce una novità, in quanto l’attenuazione della differenza si era già verificata in gradi successivi nel catalogo cartaceo.

I mutamenti delle tecniche catalografiche, legate alla trasformazione e alla moltiplicazione dei supporti, non escludono le basi della linea tradizionale tracciata da Cutter, fin dal mitico anno 1876. Dalla metà del secolo scorso l’aumento delle forme di pubblicazione aveva suggerito una normativa differenziata per la descrizione di certe categorie di pubblicazioni, pur sempre all’interno di una norma generale. Differenziazione che, con l’aumento ulteriore della tipologia, ha poi costretto a rinunciare a una normativa tipologica separata. Si trattava comunque di tipologie diverse riconducibili alla considerazione del documento, un termine accettabile per la presentazione di un contenuto, fosse esso testuale o sonoro o di sole immagini. Un’entità anche non indipendente da un punto di vista fisico, ad esempio all’interno di una pubblicazione miscellanea o periodica. Il riferimento tradizionale al materiale conservato in una biblioteca o in un sistema di biblioteche, superato dalla possibilità di segnalare oggetti esterni, ha fatto vacillare la validità di quel termine, forse ancora accettabile per il riferimento a un testo o a un’entità descrivibili e completi. Senonché grazie alle possibilità attuali è possibile ricuperare documenti elettronici dall’esterno e collegarsi con altre fonti d’informazione stabilendo un rapporto tra i dati della biblioteca e le risorse della rete, con la possibilità di interrogare altri archivi di dati. Inoltre qualunque oggetto o parte di oggetto, con segnalazioni e collegamenti molteplici, completano la diluizione del documento in una varietà indefinita che giustifica il termine per me orrendo di risorsa, un termine forse troppo esteso per sostituire un termine ormai troppo limitato. Fenomeno d’altronde ben noto in campo linguistico, quando ragioni di opportunità consigliano la sostituzione di un termine specifico con uno maggiormente comprensivo. Si allarga l’orizzonte, come nota Chris Oliver[1], e RDA va ben oltre il catalogo della biblioteca.

I cataloghi elettronici attuali comunque rispondono ancora prevalentemente alle funzioni tradizionali, ma non si tratta qui di sostituire uno strumento vecchio con uno nuovo per fare meglio e più rapidamente le stesse cose, come era avvenuto con la sostituzione della scheda manoscritta con quella dattiloscritta e, successivamente, con la duplicazione meccanica delle schede, per quanto anche in quelle occasioni non siano mancate modificazioni anche profonde nelle tecniche catalografiche. Nel caso odierno cambia l’oggetto del catalogo, o meglio, se ne estende l’oggetto, ed in molti casi la risorsa non è semplicemente segnalabile con un’indicazione che ne consenta il ricupero, ma la si può ricuperare direttamente. Il rinnovamento delle tecniche catalografiche è significativo, in quanto lo sviluppo orizzontale, lineare dell’informazione sul documento, con la possibilità di accessi alternativi, è sostituito dall’offerta circolare, già riconosciuta da Vannevar Bush quasi settant’anni fa come naturale alla nostra forma mentis. Un mutamento forse non ancora avvertito appieno, che con la diffusione effettiva dell’RDA e con l’applicazione dell’FRBR è destinato al successo. Ma siamo all’inizio: non pare un caso che il momento di incertezza sull’intervento di un nuovo software riguardi l’attesa dei risultati sull’applicazione di RDA. Oggi siamo ancora, in prevalenza, nella fase di applicazione di norme fondate sulla tradizione cartacea, dove il termine documento può essere ancora accolto, magari stiracchiando un poco la definizione. Insomma, nella normativa catalografica la tradizione cartacea è ancora predominante dopo l’avvento del computer e la necessaria trasformazione esige un mutamento di mentalità e un certo tempo, in quanto il movimento del passaggio è in una fase complessa e non breve. Una transizione dolce, avverte Oliver, che pone in equilibrio la flessibilità necessaria per il futuro con la continuazione necessaria rispetto al passato. L’adozione di RDA secondo Liz Miller avverrà per le grandi biblioteche: “è probabile che un’applicazione estesa sia graduale e richieda molti anni”[2]. È invece prevedibile che molte biblioteche continuino con AACR2 (le cui possibilità di dilatazione permangono comunque limitate), con le quali RDA è dichiaratamente compatibile quando il suo scenario si limiti alla biblioteca, ed in questo riconosciamo la presenza di una tradizione, sia pure all’interno di un universo più esteso. Parlo naturalmente dei risultati con il pubblico, non certo dell’interesse scientifico dei bibliotecari per i nuovi problemi. In una lettera allo “School library journal” (Nov.2013, p.8) un lettore osserva come l’arrivo di ogni tecnologia abbia fatto trascurare da parte dei bibliotecari la biblioteca tradizionale, mentre la maggior parte della gente cerca ancora i libri. Direi inoltre che gli effetti della tecnologia elettronica sull’utilizzazione attuale del catalogo da parte del pubblico siano notevoli nel senso di una forte diminuzione della sua consultazione, con un’assai prevalente ricerca per known item e scarso interesse per la soggettazione. Le alternative alla ricerca di informazioni hanno alterato pesantemente il ricorso tradizionale alle opere di consultazione e di conseguenza al servizio di informazione, ma hanno coinvolto anche l’utilizzazione del catalogo che non è più il fulcro della biblioteca, ma condivide la propria funzione con altre basi di informazioni[3].

Il riconoscimento di quanto sia opportuna un’organizzazione delle informazioni tale da consentire la rapidità della ricerca è tanto più oggi una condizione tassativa, anche per via della presenza di possibilità alternative esterne. Un ricoscimento d’altronde che è ben presente nella tradizione, come conferma la quarta legge di Ranganathan: non fare perder tempo al lettore. È un principio ben presente nella tradizione catalografica, dicevo, dove il limite costituito dalla linearità della singola notizia risulta in qualche modo attenuato dagli accessi alternativi. Il riconoscimento della circolarità dell’informazione è ora confermato dalla struttura di FRBR, le cui radici sono ben vive e riconoscibili nella storia della catalogazione, ma la cui applicabilità piena non poteva essere consentita che nella nuova situazione tecnologica. Ora che la rapidità della ricerca è assicurata si riconosce l’opportunità di accelerare l’altra faccia dell’informazione, ossia il tempo richiesto per fissare e organizzare i dati da utilizzare per la ricerca. Ragioni economiche innanzi tutto, finalizzate alla riduzione dei costi, che comportano sia la riduzione dei tempi di lavoro che la riduzione numerica delle persone assegnate al lavoro, grazie soprattutto al ricupero in rete delle notizie catalografiche nella totalità o, dove conveniente, con la possibilità di modificazioni o di aggiunte. Insomma, la rapidità è richiesta in prima battuta alla fase dell’allestimento delle informazioni. Gli antichi elogi della lentezza entrano dunque in contraddizione con le esigenze attuali, dove comunque l’applicazione e il riconoscimento dei punti di accesso e dei collegamenti considerati da FRBR, da integrare con gli aspetti semantici delle informazioni, possono entrare in contrasto con le esigenze di rapidità. Rapidità che non deve essere confusa con la superficialità: è un’esigenza ancor più necessaria oggi rispetto al passato, che deve tuttavia fare i conti con le esigenze della ricerca, la quale risulterebbe rallentata da un eccesso improprio di rapidità nella fase di allestimemento del catalogo. E questo non intende certo suggerire un elogio della lentezza, quale potremmo trovare nel recente libro di Luis Sepùlveda Storia di una lumaca che scoprì l’importanza della lentezza. I problemi si intrecciano tra di loro: certamente il ricupero di notizie attraverso la rete libera dai vincoli di un’organizzazione strettamente locale, mentre per contro l’organizzazione locale o di un sistema locale può prendere in considerazione anche risorse che richiedano un’attenzione particolare. Vediamo come a volte l’antica espressione festina lente, che ha tutto l’aspetto di un ossimoro e che io tradurrei affrettati con cautela, presenti in certo modo una conciliabilità tra i suoi termini. La ricerca per parole chiave esistenti nella descrizione o anche nel testo intero può costituire un’alternativa sovente utile rispetto all’unificazione terminologica delle vie di accesso per soggetto, ma può risultare dannosa proprio per la sua rapidità, anche perché l’estensione delle risorse lascia facilmente aperta la via al ricupero casuale rispetto a un ricupero teoricamente totale seguito dalla scelta al suo interno.

L’attenuazione dei confini tra le varie attività dell’organizzazione bibliotecaria si avverte oggi in modo assai più sensibile anche nei confronti della catalogazione. Intendiamoci, è sempre stato insufficiente considerare asetticamente l’attività catalografica senza valutare l’uso dei suoi risultati da parte del pubblico, senza riconoscere le necessità della ricerca, con il rischio di una chiusura sapiente dove la catalogazione era fine a sé stessa, con i giochi inutili con rinvii teoricamente possibili ma di richiesta improbabile, con espansioni certo possibili ma di richiesta altrettanto improbabile – penso a certe specificazioni complesse nell’espansione della classe 8 della CDD. La consapevolezza dell’utilità di una verifica nell’uso dei cataloghi non è stata mai ignorata, ma sovente non veniva effettuata. Con il riconoscimento della centralità del pubblico, oggi legata al mutamento sociale insieme con quello tecnologico, la centralità esistente da sempre (pare necessario ricordare Naudé, Borromeo e molti altri ancora?) viene ad assumere al tempo stesso l’aspetto di una conferma in una condizione nuova, ma non certo di novità assoluta. I confini tra le varie attività non sono mai stati rigidi, ma l’evoluzione ne ha attenuato ulteriormente una labilità già esistente. Nel caso del catalogo, la sua struttura e la normativa sono condizionati con evidenza maggiore dalla sua funzione e dal pubblico che l’utilizza. Si accentua dunque la considerazione dell’utilità dell’attività catalografica proprio per l’accentuarsi della considerazione dell’utente, che immerge il complesso della normativa catalografica nella corrente del servizio. Dalla recente inchiesta in una biblioteca universitaria inglese sulla valutazione delle qualità professionali del bibliotecario odierno, è risultato che la problematica della ricerca per soggetto, la subject expertise, figura tra le poche ritenute essenziali[4]. E su questo punto le lacune di FRBR e di RDA attendono il completamento necessario. Nell’età trascorsa del catalogo cartaceo forse all’attività relativa è stato dato un peso quantitativamente eccessivo, non sempre con l’esame dell’uso da parte del pubblico, ma oggi non si corra il rischio di trascurare un percorso inverso: i catalogatori “sono il collegamento nella catena che aiuta ad ottenere le informazioni”[5]. La tendenza a considerare secondaria la tematica della catalogazione, che giunge fino a eliminarla nei programmi sulla formazione professionale, è da rifiutare proprio perché l’aiuto alla ricerca e, prima ancora, la considerazione delle probabilità di ricerca legano il bibliotecario, anche chi non sia addetto espressamente all’alimentazione del catalogo. Anche questa, se vogliamo, è la conferma di un’attenuazione ulteriore dei confini tra i vari aspetti del lavoro in biblioteca, che non sono mai stati separati nettamente se non quando si è dimenticato che il primo sistema bibliotecario è la biblioteca stessa nel suo complesso.

Nell’esperienza del catalogo cartaceo si riconosceva la tendenza verso l’unificazione assoluta corrispondente a un catalogo universale che consentisse l’accesso alle notizie su tutte le pubblicazioni esistenti. Idea utopistica, certo, ma comunque fondata sull’esistenza di una quantità ad un tempo indefinita e in aumento costante, ma per lo meno in teoria definibile. Con l’avvento di nuove possibilità di comunicazione la soluzione poteva sembrare più vicina, ma al riconoscimento accentuato delle diversità delle esigenze si è aggiunto, pesantissimo, il riconoscimento di risorse estranee alla tipologia tradizionale dei documenti, con il risultato di un’inversione di tendenza. Il conflitto tra l’universalità delle informazioni e le opportunità locali si ripresenta sotto una nuova forma, con una normativa che facilita i collegamenti e il ricupero incrociato. Per riprendere l’aspirazione alla norma internazionale, il conflitto tra l’ideale universale e le convenienze locali esiste da sempre e la sua esasperazione dovuta a soluzioni locali in seguito ad opinioni del tutto personali e non legate all’ambiente, da sempre pericolose, è certo da rifiutare, senza per questo dover rinunciare al riconoscimento delle culture locali e delle necessità delle biblioteche singole. L’aspirazione a una convergenza verso un’unificazione globale delle informazioni su un insieme definibile di oggetti, unificazione peraltro ipotetica a causa della quantità indefinibile, è trascurata in favore di una diversificazione rispondente a esigenze singole, con ampie possibilità di approfondimenti locali per la descrizione, per la determinazione dei punti di riferimento e per la stessa scelta delle risorse. La distinzione è attenuata, se non annullata, da RDA, che ammette flessibilità a livello internazionale, per permettere non solo la traduzione, ma l’adattamento alle necessità locali, trovando un equilibrio opportuno tra esigenze contrastanti. Ma è doveroso ricordare l’attuazione in corso della DPLA (Digital Public Library of America), un progetto a lungo termine descritto da Robert Darnton[6]. E chi sa se in un futuro lontano non si riproponga a un livello superiore il problema dell’unificazione. Ma non sta bene, soprattutto a un catalogatore cartaceo, navigare nella fantascienza. In questa evoluzione si ripropone il dilemma della norma universale, accettabile dove le variazioni dovute alla lingua e soprattutto alla cultura locale siano assorbibili entro un codice valido per tutti, in alternativa a una normativa comune relativa ai princìpi, da sviluppare successivamente secondo le esigenze locali. Un principio d’altronde riconosciuto dalla tendenza ad accentuare l’aspetto internazionale nei confronti della tradizione angloamericana, in particolare nella Classificazione Dewey. Un contrasto tra l’aspetto evolutivo e quello rivoluzionario, dove forse non è opportuno distinguere in senso netto il primo dal secondo aspetto. L’evoluzione della problematica relativa a una tipologia delle risorse, in continuo sviluppo, con i punti di accesso relativi e con i loro collegamenti, appare affascinante agli occhi di un vecchio catalogatore, tanto da portare alla mente la Wunderkammer. È l’aspetto del meraviglioso, ignoto al giovane che affronta direttamente questi problemi, per lui naturali. È il senso della meraviglia – e del mistero – di chi tocca con cautela i tasti di uno strumento che è manovrato con disinvoltura dal suo nipotino. Eppure qualche apporto si può ricavare dall’esperienza antica. La nausea da informazione, l’information glut che colpiva chi si trovasse di fronte a una quantità di schede con la medesima intestazione, tanto da non consentirne in pratica l’esame completo, potrà anche concedere di allungare il controllo fino a un certo limite, ma costituirà comunque un vincolo all’esame completo. E se nel passato un esame completo era per lo meno teoricamente possibile, nella situazione nuova l’accesso indefinito a un archivio aperto confermerà i limiti dell’informazione, dove l’approfondimento, l’allargamento e i collegamenti escluderanno a priori la totalità dell’informazione. Ecco che la stessa quantità costituirà un limite, dove il bibliotecario potrà rappresentare un aiuto alla ricerca.

Certo, la difficoltà della definizione permane e la definizione stessa è destinata a subire slittamenti e contraddizioni con l’evolversi della civiltà. Slittamento della definizione che non riguarda solo il catalogo, ma la biblioteca e quindi il bibliotecario. L’informazione è tutto? E le alternative per l’organizzazione e la ricerca di informazione aumentano le incertezze sulla vitalità della biblioteca, che a sua volta cerca giustificazioni estendendo l’area dei compiti tradizionali, i quali ultimi a volte vengono addirittura trascurati. Mentre, per contro, il bibliotecario tende ad essere inteso esclusivamente come un agente di informazioni. Occorre dunque riconoscere quanto distingue sia l’istituto che il mestiere, riconoscere all’interno di un complesso variegato la peculiarità della biblioteca e del bibliotecario. Alla diluizione dei confini non deve corrispondere il disconoscimento della peculiarità. Alla diluizione dei confini non sfugge il catalogo, che certo non si limita più a organizzare le informazioni reperibili nel materiale raccolto in una o in più biblioteche. Che cosa si vuole dal nuovo catalogo, se questo nome è ancora accettabile? Quale ne sarà l’estensione? Si distinguerà tra la notizia del documento (o della risorsa) e il suo ricupero diretto? Quale sarà il rapporto del catalogo in rete con la rete? Sed de hoc satis. Sono pensieri vecchi di un vecchio bibliotecario curioso, che ringrazia per la paziente attenzione.


[1] Chris Oliver. Introducing RDA. Chicago: ALA, 2010
[2] Liz Miller. Resource description and access (RDA). An introduction for reference librarians, “Reference and user services quarterly”, Spring 2011, p.216-222
[3] Cfr. Gildas Illien. Décrire les objets du savoir, les nouveaux paradigmes du catalogage, “Documentaliste. Sciences de l’information”, 2013,3, p.20-29
[4] Mary Beth Weber. Librarians of the future, “Library research and technical services”,  Oct.2013, p.186-188
[5] Michael A. Cerbo II. Is there a future for library catalogers?, “Cataloging and classification quarterly”, 2011, 4, p.323-327
[6] “New York review of books”, 25.4.2003; fr.trad. La bibliothèque numérique américaine est lancée!, “Bulletin des bibliothèques de France”, 2013,5, p.6-10

URL: https://www.aib.it/attivita/congressi/fsr-2014/2014/41403-carlo-revelli-testimony/. Copyright AIB 2014-03-05. A cura di Andrea Marchitelli, ultima modifica 2014-03-05