Negozio AIB - Note informative
Stampa pagina Seguici AIB su Facebook AIB su Twitter
PRODUCTS PAGE

Abbreviazioni, acronimi e simboli

Paola Ferrari. Abbreviazioni, acronimi e simboli. Roma: AIB, 1996. 12 p.

Additional DescriptionMore Details

Dall’Introduzione

  «L’abitudine, ormai fin troppo frequente soprattutto in ambito informatico, di far uso di un linguaggio schematizzato con ricorso frequente a sigle determina alcune difficoltà e non soltanto per i bibliotecari e documentalisti. Questo tipo di linguaggio comprende sia bbreviazioni (ordinarie rappresentazioni ridotte in termini originali o, in generale, qualsiasi forma ridotta di scrittura di un termine linguistico costituito da una o più parole) che simboli (rappresentazioni convenzionali di termini specifici o di espressioni particolari, prive a volte anche di una corrispondenza linguistica diretta). Solitamente però, si ricorre all’uso di questi generi di rappresentazioni più nella lingua scritta che in quella parlata: quando parliamo infatti, diciamo eccetera e non ecc., ma pronunciamo generalmente AIDS (come una parola o lettera per lettera) e non sindrome da immunodeficienza acquisita né l’acronimo italiano e francese SIDA. In questa nota si intendono evidenziare le regole in uso o gli accorgimenti elaborati per le abbreviaizoni e i simboli che sono ormai entrati a far parte del linguaggio comune. Per quanto riguarda le abbreviazioni si sottolineerà anche, nel corso di questa breve trattazione, la necessità di scioglierle, accompagnandole dal corrispondente termine esteso, almeno la prima volta che vengano scritte o pronunciate in modo da evitare il rischio che l’emittente e l’emissario del messaggio non si capiscano più.»

Price: € 2,07

Loading Updating cart…

Cataloghi di biblioteche e cataloghi collettivi italiani in Internet

Donatella Gentili. Cataloghi di biblioteche e cataloghi collettivi italiani in Internet. Roma: AIB, 1996. 15 p.

Additional DescriptionMore Details

Dall’Introduzione

  «Il notevole incremento dell’informazione disponibile attraverso Internet ha fatto della “rete delle reti” una fonte informativa alla quale sempre più spesso si deve ricorrere, ma che manca di strumenti che permettano di effettuare una ricerca per soggetto esaustiva. Infatti, lo stesso tipo di “query” porta a risultati differenti, qualitativamente e quantitativamente, se eseguita tramite motori di ricerca diversi. Si avveret quindi, l’esigenza, lavorando in uno specifico ambito disciplinare, di disporre di un elenco di indirizzi utili, il più possibile aggiornato e affidabile. Sulla base della suddetta esigenza è nata questa nota informativa che delinea il panorama attuale delle risorse catalografiche e bibliografiche italiane in rete. Essa non vuole né può essere esaustiva considerato il costante aggiornamento cui le suddette risorse sono soggette. Per questo motivo la presente nota sarà aggiornata di frequente. Molte biblioteche presentano pagine web che contengono solo informazioni di carattere generale e non consentono la consultazione del catalogo per la quale è necessario, invece, utilizzare l’accesso telnet, il protocollo di comunicazione per il servizio di comunicazione con terminali remoti. Esso è pertanto lo strumento attraverso il quale si consltano prevalentemente i cataloghi di biblioteche. Il suo utilizzo, pur essendo meno agevole e piuttosto lento rispetto al www, consente la consultazione per autore, titolo, soggetto e talvolta per classe, venendo meno alla carenza dell’indice SBN che viceversa per ora non ` interrogabile per soggetto».

Price: € 2,07

Loading Updating cart…

Come creare gli indici di una pubblicazione con l’ausilio del personal computer

Paola De Castro Pietrangeli. Come creare gli indici di una pubblicazione con l’ausilio del personal computer. Roma: AIB, 1996. 8 p.

Additional DescriptionMore Details

Dalla Premessa

  «Questa breve nota è diretta a tutti coloro che scrivono testi (libri, manuali, rapporti, ecc.) nei quali sia necesario presentare un indice del contenuto, un indice analitico o un indice dei soggetti. L’indice del contenuto normalmente si presenta nella parte anteriore della pubblicazione e ne presenta la struttura, cioè i titoli dei capitoli o dele sezioni di cui essa si compone, con l’indicazione del numero di pagina in cui appaiono. L’indice dei soggetti e l’indice analitico, contenente i nomi, i termini e i soggetti della pubblicazione, seguiti dal numero di pagina in cui essi appaiono o alla quale si riferiscono, sono normalmente presentati nella parte finale della pubblicazione. Le voci dell’indice analitico e dell’indice dei soggetti possono essere organizzate, nel proprio interno, in livelli gerarchici L’utilità della presenza di un indice del contenuto e, soprattutto, di un indice analitico o di un indice dei soggetti è indubbia, soprattutto quando si ha a che fare con un documento complesso, suscettibile di essere consultato ripetutamente, oltre che letto per intero in modo sequenziale. Inoltre, gli editori spesso rendono obbligatoria la presenza degli indici, da parte degli autori syessi del testo da pubblicare La creazione di un indice analitico e di un indice dei soggetti non è un’operazione che può essere realizzata in modo completamente automatico, tuttavia, alcuni programmi di scrittura di testi e di impaginazione mettono a disposizione utili strumenti che facilitano notevolmente il compito del professionista addetto alla preparazione degli indici, sostituendosi alla tradizionale compilazione di schede cartacee».

Price: € 2,07

Loading Updating cart…

Consigli pratici per allestire una mostra bibliografica

Simonetta Buttò, Franco Toni. Consigli pratici per allestire una mostra bibliografica. Roma: AIB, 1996. 7 p.

Additional DescriptionMore Details

Dalla Premessa

  «All’interno del tema generale delle esposizioni, ci occuperemo esclusivamente delle mostre bibliografiche cercando di enuclearne caratteristiche e funzioni proprie e affrontando temi specifici legati agli aspetti pratici di elaborazione e allestimento. Tra tutti i manufatti che presentano caratteristiche artistiche, infatti, il libro è quello che più difficilmente si presta ad una fruizione puramente visiva e a distanza, anche nei casi in cui gli aspetti estetici siano prevalenti: la sua disponibilità rimane, infatti, parziale per l’impossibilità da parte dell’osservatore di entrare materialmente in contatto con l’oggetto, per poterlo apprezzare nella sua complessità. Nonostante sia possibile individuare varie tipologie di mostre in base alle loro caratteristiche formali, ad esempio mostre didattiche, celebrative, temporanee, permanenti, può forse essere più utile ricondurre le differenti tipologie entro i confini di una distinzione fra mostre il cui scopo principale è quello di studiare il manufatto libro, nella sua doppia accezione semantica e oggettuale, nonché come prodotto delle tecniche usate in una determinata epoca, e mostre in cui prevale invece l’aspetto testuale, ovvero il contenuto, indipendentemente dal valore intrinseco e storico-editoriale del manufatto librario. Strettamente collegata con l’aspetto tipologico è la determinazione delle finalità, sostanzialmente riconducibili a due priorità: informare su un argomento, e valorizzare il patrimonio».  

Price: € 2,07

Loading Updating cart…

Consigli pratici per l’attivazione di un servizio di fornitura di documenti in biblioteca

Evelina Ceccato. Consigli pratici per l’attivazione di un servizio di fornitura di documenti in biblioteca. Roma: AIB, 2001. 19 p.

Additional DescriptionMore Details

Indice del volume
1. I servizi per il recupero dei documenti
2. Definizioni
3. Vantaggi dei servizi di accesso ai documenti
4. Fattori che conducono a un inevitabile incremento della domanda di servizi di accesso ai documenti
5. Attivazione di un servizio di prestito interbibliotecario e di fornitura di documenti
5.1 Personale addetto
5.2 Destinatari del servizio
5.3 Orari del servizio
5.4 Procedure
5.4.1 Richiedere un documento tramite ILL e DD
5.4.2. Ricevere una richiesta ILL e DD
5.5 Modulistica
5.6 Tariffazione e modalità di riscossione
5.6.1 Punti di discussione
5.6.2. Modalità di pagamento delle biblioteche
Bibliografia e note

Price: € 2,07

Loading Updating cart…

Consigli pratici per l’utilizzazione di Internet in biblioteca

Maurella Della Seta. Consigli pratici per l’utilizzazione di Internet in biblioteca. Roma: AIB, 1995. 5 .

 

Additional DescriptionMore Details

Come si può utilizzare Internet all’interno della biblioteca

«Il collegamento in rete è ormai uno strumento informativo di notevole importanza all’interno della biblioteca in quanto rappresenta un ulteriore mezzo di diffusione e di accesso all’informazione e ai documenti. La diffusione delle tecnologie dell’informazione all’interno della società ha, infatti, modficiato il ruolo della biblioteca che non rappresenta più soltanto il luogo di conservazione e deposito dei documenti, ma il centro di accesso all’informazione, ovunque risieda materialmente e su ualunque tipo di supporto sia memorizzata.
In questo senso anche il bibliotecario ha dovuto rivedere il suo ruolo professionale alla luce delle nuove possibilità offerte dalla tecnologia elettronica ed assumere sempre più la funzione di intermediario dell’informazione, nel senso di assistenza alla propria utenza nell’identificazione dell’informazione rilevante e nell’accesso ad essa.»

Price: € 2,07

Loading Updating cart…

I codici ISSN, ISBN e EAN e altre informazioni utili per chi pubblica

Paola De Castro Pietrangeli. I codici ISSN, ISBN e EAN e altre informazioni utili per chi pubblica. Roma: AIB, 1995. 9 p.

Additional DescriptionMore Details

La nota spiega cosa sono, a cosa servono, a chi vanno richiesti e in quale posizione devono apparire nella pubblicazione l’ISSN (International Standard Serial Number), l’ISBN (International Standard Book Number) e l’EAN (European Article Number).

Price: € 2,07

Loading Updating cart…

Il rapporto tecnico

Paola De Castro, Sandra Salinetti. Il rapporto tecnico: consigli utili per una corretta presentazione. Roma: AIB, 2002. 20 p. ISBN 88-7812-104- 5

Additional DescriptionMore Details

Indice

Introduzione
Che cos’è un rapporto tecnico e come si presenta
Quali elementi caratterizzano un rapporto
Come si organizza un rapporto
Come si revisiona un rapporto
Considerazioni finali
Riferimenti bibliografici e note

Price: € 2,07

Loading Updating cart…

Il riassunto analitico

Paola Ferrari. Il riassunto analitico. Roma: AIB, 1995. 9 p.

Additional DescriptionMore Details

Dall’Introduzione

«La formulazione della presente nota informativa nasce dalla frequente constatazione della mancanza di riassunti analitici nelle riviste italiane relative alla scienza dell’informazione, laddove, invece, nelle pubblicazioni di carattere scientifico e in quelle straniere la sua presenza è pressocché regolare. Questa differenza si può far risalire alle iniziative prese, nell’ambito dell’informazione scientifica, dall’UNESCO negli anni ’60. Esse furono, infatti, finalizzate allo studio dei diverisi aspetti dell’informazione scientifica per far fronte al fenomeno (così allora definito) dell’esplosione delle informazioni, e per trovare soluzioni adeguate a coordinare le diverse iniziative del settore.
L’obiettivo era quello di ottenere un migliore controllo bibliografcio e, di conseguenza, fornire una migliore accessibilità ai documenti. Si arrivò dunque, nel 1960, all’elaborazione di un Code du bon usage en matière publications scientifiques largamente diffuso che, tra l’altro, allegava una guida per la redazione dei riassunti d’autore. […]
L’intento di questa nota informativa consiste perciò nel voler sensibilizzare gli editori, e di conseguenza gli auotri di articoli di carattere biblioteconomico e documentalistico, responsabili primari del trasferimento delle informazioni, alla formulazione dei suddetti riassunti analitici».

Price: € 2,07

Loading Updating cart…
LoadingAggiornamento in corso…
URL: https://www.aib.it/negozio-aib/note-informative/la-letteratura-grigia-su-internet/. Copyright AIB 2012-02-03. Creata da Nicola Madonna, ultima modifica di