Stampa pagina Seguici AIB su Facebook AIB su Twitter

Rapporto attività dell’OLAVeP

L’Osservatorio Lavoro e Professione (OLAVeP) ha un ruolo strategico nell’attuale fase di trasformazione dell’AIB in associazione professionale. Esso (v. http://www.aib.it/struttura/osservatori/olavep/componenti/) sulla base delle linee programmatiche dell’AIB per il triennio 2011-2014, ha avviato una serie di attività, studi e approfondimenti su temi specifici che sono cruciali per la nostra associazione. Ad un anno circa dalla costituzione della nuova struttura dell’Osservatorio è doveroso fare il punto su ciò che si è fatto e su ciò che si sta facendo nella prospettiva di una corretta informazione per tutti gli iscritti AIB e per garantire a tutti i bibliotecari pari opportunità di accesso alle informazioni e alla conoscenza.

Cosa si è fatto dal 2011

I profili del bibliotecario
OLAVeP ha portato a termine il lavoro sui profili del bibliotecario in cui si descrive nel dettaglio chi è il bibliotecario, che cosa fa, quali sono le sue competenze, abilità, ecc. Se ne è occupato un gruppo di lavoro costituito da Rachele Arena, Nerio Agostini e Raffaele De Magistris. Hanno collaborato Luisa Marquardt, IAML Italia, Ivana Truccolo e Maria Cassella. Finalmente l’AIB ha i suoi profili!
Li ha inviati alla Commissione UNI la quale redigerà una norma sulla professione bibliotecaria e sulla base di questa norma sarà poi elaborata “Carta della professione di bibliotecario”. Nell’attesa della Carta, grazie a questo documento sui profili elaborato da OLAVeP, gli iscritti AIB e tutti i bibliotecari italiani potranno finalmente trovare risposta ad ogni loro quesito su competenze, abilità, capacità che si richiedono al professionista bibliotecario. Questo documento sui profili consentirà all’AIB di non farsi trovare impreparata se nel frattempo essa dovesse ottenere il riconoscimento ai sensi del Decreto Legislativo 6 novembre 2007, n. 206 (“Attuazione della direttiva 2005/36/CE relativa al riconoscimento delle qualifiche professionali, nonché della direttiva 2006/100/CE che adegua determinate direttive sulla libera circolazione delle persone a seguito dell’adesione di Bulgaria e Romania”) e se le fosse richiesto, in qualità di associazione professionale, di sedersi a un tavolo politico col Governo.

Campagna “NO all’eccesso di ribassi in biblioteca”
OLAVeP insieme al CEN ha promosso la Campagna “No all’eccesso di ribassi in biblioteca”, una campagna di comunicazione, sensibilizzazione e denuncia che trova nella lotta all’eccesso di ribasso negli appalti pubblici il proprio obiettivo principale. Per ulteriori info: http://www.aib.it/attivita/campagne/eccesso-di-ribasso/.

Potenziamento del servizio di assistenza
Abbiamo avuto un incremento delle richieste di consulenza da parte dei bibliotecari. I nostri canali per i contatti sono:

Censimento biblioteche e bibliotecari
Con la collaborazione dei nostri referenti OLAVeP regionali abbiamo avviato un lavoro di ricognizione di indirizzi email di biblioteche e bibliotecari in tutte le Regioni italiane. Tale ricognizione servirà per l’invio successivo di un dossier OLAVeP sui temi del lavoro, per campagne di promozione AIB e per politiche di incremento delle iscrizioni all’Associazione. Se ne è occupato Ilario Ruocco.

Bandi di concorso e gare d’appalto
Ilario Ruocco, referente OLAVeP per le statistiche, ha raccolto i bandi di concorso per bibliotecari relativi all’anno 2011. Il lavoro per il precedente triennio è stato effettuato dallo stesso Ilario Ruocco con la collaborazione di Silvia Arena ed è stato di recente pubblicato in AIB-WEB. Francesca Cadeddu e Gabriele De Veris in qualità di rappresentanti CNPR in OLAVeP insieme a Lucilla Less e alle referenti CEN per OLAVeP Maria Abenante e Merj Bigazzi si occupano della ricognizione dei bandi e delle gare di appalto.

Cosa si sta facendo

CoLAP
Il 17 Aprile 2012 abbiamo esultato insieme al nostro referente per il CoLAP Franca Piera Colarusso e insieme al CEN per l’approvazione alla Camera dei Deputati del disegno di legge inerente le “Disposizioni in materia L’Osservatorio Lavoro e Professione (OLAVeP) ha un ruolo strategico nell’attuale fase di trasformazione dell’AIB in associazione professionale. Esso (v. http://www.aib.it/struttura/osservatori/olavep/componenti/) sulla base delle linee programmatiche dell’AIB per il triennio 2011-2014, ha avviato una serie di attività, studi e approfondimenti su temi specifici che sono cruciali per la nostra associazione. Ad un anno circa dalla costituzione della nuova struttura dell’Osservatorio è doveroso fare il  punto su ciò che si è fatto e su ciò che si sta facendo nella prospettiva di una corretta informazione per tutti gli iscritti AIB e per garantire a tutti i bibliotecari pari opportunità di accesso alle informazioni e alla conoscenza.
di professioni non organizzate in ordini e collegi” (che raccoglie in un unico testo diverse proposte di legge a firma dei deputati Froner, Formisano, Buttiglione, Della Vedova e Quartiani): ora il testo è all’esame del Senato in seconda lettura per l’approvazione definitiva. È un provvedimento che interviene a tutela della professione del bibliotecario. Auspichiamo che esso vada in porto perché si tratta di un primo passo concreto a favore del lavoro specialistico del bibliotecario. La nuova normativa prevede che i principi e i criteri generali che disciplinano l’esercizio auto-regolamentato della singola attività professionale e ne assicurano la qualificazione siano definiti dall’UNI (Ente Nazionale Italiano di Unificazione) con apposita normativa tecnica. L’UNI ha infatti già invitato l’AIB ai lavori della Commissione tecnica, che redigerà una delle prime norme inerenti la professione bibliotecaria. Ricordiamo che il 19 Ottobre 2012 a Roma, presso la Fontana di Trevi, piazza della Pilotta 4 l’AIB parteciperà all’evento CoLAP “Plus Italia 2012. Professionisti liberi uniti per lo sviluppo dell’Italia”, un momento di incontro, di scambio, di confronto e condivisione tra i liberi professionisti, il mondo politico, istituzionale e la società civile. Invitiamo alla partecipazione!

Linee guida per l’affidamento esterno della gestione dei servizi della biblioteca
Il gruppo di lavoro è costituito da: Merj Bigazzi, Francesca Cadeddu, Piera Colarusso, Lucilla Less, Maria Chiara Sbiroli. Collaborano Rachele Arena e Nerio Agostini ed è prevista la collaborazione esterna di AsPIDI, associazione che dal punto di vista deontologico è vicina all’AIB.
Obiettivo del lavoro è aggiornare le apposite linee guida del 2004, approfondire alcuni temi specifici quali gli indici di qualità del servizio, i tipi di contratto applicati, i criteri di aggiudicazione, le caratteristiche professionali del personale impiegato e suggerire le “buone pratiche”.

Linee guida sull’insegnamento della biblioteconomia
Altro lavoro avviato è quello relativo alle “Linee guida sull’insegnamento della biblioteconomia”. I componenti del gruppo di lavoro sono: Anna Della Fornace, Luisa Marquardt e Anna Maria Tammaro. È prevista anche una collaborazione esterna a OLAVeP. L’obiettivo è definire la tipologia della formazione universitaria per la nostra professione. Si sta procedendo in due direzioni:

  1. Presentare lo stato dell’arte relativo all’insegnamento della biblioteconomia in Italia che serva da orientamento per chiunque voglia iniziare un percorso di studi in questo settore;
  2. Fare il punto sulla situazione europea e l’analisi dei documenti in tema di insegnamento di biblioteconomia prodotti da organismi internazionali.

Sulla base dei punti 1) e 2) elaboreremo un documento di sintesi in cui indicheremo quali materie ci avvicinano al modello europeo.

Schede sui “volontari” a supporto dei bibliotecari nei vari comparti
In un momento di crisi come quello che stiamo vivendo nelle biblioteche si rivela utilissimo il contributo dei “volontari” come supporto al lavoro dei bibliotecari inquadrati. Il gruppo di lavoro, costituito da Maria Abenante, Nerio Agostini, Rachele Arena, Raffaele De Magistris, Gabriele De Veris, Anna Della Fornace, Luisa Marquardt e Anna Maria Tammaro, ha avviato uno studio finalizzato all’individuazione delle tipologie dei “volontari” presenti nei vari comparti. Il requisito della gratuità della prestazione lavorativa non sarà considerata da noi vincolante ai fini del presente lavoro; la nostra attenzione sarà rivolta infatti ad associazioni di volontariato, tirocinanti e stagisti, studenti part-time nelle Università e nelle scuole, volontari del sevizio civile. In particolare indicheremo cosa potranno e dovranno fare nelle biblioteche sotto le direttive dei bibliotecari inquadrati.

Dossier OLAVeP
Se ne occuperà Ilario Ruocco con la collaborazione di Rachele Arena, Gabriele De Veris e Francesca Cadeddu. Sarà inviato un questionario sui temi del lavoro agli indirizzi mail di biblioteche e bibliotecari forniti dai referenti OLAVeP regionali. L’obiettivo è “entrare” nelle biblioteche e capire quali sono i problemi e le difficoltà che i bibliotecari devono affrontare sul posto di lavoro e preparare delle statistiche sia a livello regionale che nazionale.
È evidente che i temi di cui si sta occupando OLAVeP sono prioritari per il futuro dell’AIB. Ritengo che occorra affrontare le prossime sfide in tema di lavoro e professione del bibliotecario con fermezza, concretezza e tempestività ed evitare di farsi trovare impreparati. A tale scopo è importante il contributo e la collaborazione non solo di OLAVeP, del CNPR, del CEN e del Presidente AIB ma di tutti i bibliotecari.

rache2002@libero.it

URL: https://www.aib.it/pubblicazioni-aib/aib-notizie/2012/25585-attivita-olavep/. Copyright AIB 2012-08-01. A cura di , ultima modifica 2013-08-19