Stampa pagina Seguici AIB su Facebook AIB su Twitter

Le mille e una tesi: ciclo di incontri

 

Locandina

 

La Sezione AIB Lazio, in collaborazione con la Biblioteca AIB, propone un ciclo di incontri dal titolo “Le mille e una tesi” per rafforzare il collegamento tra professione e ricerca, promuovendo la conoscenza tra gli associati delle tematiche di ricerca portate avanti dalle Università del Lazio e valorizzando gli studi e le fatiche degli studenti di dottorato, scuole di specializzazione e master.

Ogni incontro si terrà sempre di martedì pomeriggio presso la Biblioteca AIB, dove il giovane ricercatore presenterà il proprio percorso di ricerca ed i risultati raggiunti, creando così occasioni di confronto tra bibliotecari e studiosi su temi legati alle biblioteche e alle discipline del libro. Gli incontri saranno inoltre un’occasione per analizzare i possibili risvolti della ricerca sulle attività quotidiane della professione e offrire un esempio e punto di riferimento per gli associati più giovani, in procinto di affrontare il loro lavoro di tesi e ricerca.

La rassegna parte con un gruppo di ricercatori dell’Università Sapienza di Roma ma è aperta ai ricercatori di tutte le Università del Lazio (e non solo) ed alterna contenuti di tipo storico a temi contemporanei.

 

Calendario degli incontri

 

  • Martedì 17 settembre 2019 – ore 17.30
    Vittorio Camerani e le origini della Biblioteca AIB. Presentazione delle ricerche post dottorato di Enrico Ardolino (Sapienza Università di Roma).
    A partire da una ricerca di prossima pubblicazione, che conterrà tra l’altro l’edizione delle lettere di Vittorio Camerani con Giuseppe Fumagalli, Albano Sorbelli, Aldo e Alessandro Olschki, e Roberto Ridolfi, l’intervento è dedicato a illustrare il profilo del bibliotecario Vittorio Camerani (1898-1961) e il ruolo da lui ricoperto nella storia della professione e negli studi bibliografici e biblioteconomici. Anche alla luce del rinvenimento di nuovi documenti, una specifica attenzione verrà riservata alla ricostruzione degli eventi che dopo la morte di Camerani, soprattutto grazie all’interessamento di Francesco Barberi, hanno portato alla costituzione dell’omonimo fondo oggi conservato presso la Biblioteca dell’AIB.

 

  • Martedì 15 ottobre 2019 – ore 17.30
    Biblioteca: una, nessuna, centomila visioni? Presentazione della tesi di specializzazione La biblioteca pubblica contemporanea: immaginario, percezione e visione attraverso un’indagine qualitativa di Roberta Montepeloso (Sapienza Università di Roma, rel. Chiara Faggiolani, corr. Giovanni Solimine).
    Il panorama bibliotecario italiano si è popolato all’incirca negli ultimi dieci anni di nuove strutture: progetti architettonici e biblioteconomici che assorbono ma insieme superano il modello classico della public library, idea (e corpo) di un’infrastruttura sociale di prossimità, sviluppata nei paesi angloamericani nel XIX secolo, poi esportata nelle aree di loro influenza. Questo progetto di ricerca nasce dal desiderio di approfondire, mediante il confronto con la realtà empirica, un nucleo di problematiche teoriche di grande attualità nel dibattito biblioteconomico: l’instabilità del ruolo e della funzione della biblioteca pubblica nel tempo presente e, ancora prima, l’incertezza in merito alla sua identità. Si è sentita l’esigenza di capire se questi possano essere temi di interesse condiviso con il resto della comunità – coloro, ciascuno singolarmente e tutti in quanto membri di un gruppo sociale, ai quali si indirizza idealmente il servizio – e, di conseguenza, il problema di come trasformarli in questioni pubbliche.

 

  • Martedì 19 novembre 2019 – ore 17.30
    Bibliotheca Secreta restituta. Presentazione della tesi di dottorato Le biblioteche del Collegio Romano dalla fondazione alla soppressione della Compagnia di Gesù (1551-1773) di Lorenzo Mancini (Sapienza Università di Roma, rel. Alberto Petrucciani, corr. Angela Nuovo).
    L’obiettivo della tesi è stato quello di indagare la storia delle biblioteche che erano collocate all’interno del Collegio Romano, il più importante istituto educativo amministrato dalla Compagnia di Gesù durante l’età moderna. Complessivamente queste biblioteche costituivano uno dei più grandi bacini bibliografici presenti a Roma, le cui vicende erano state indagate fino a oggi solo in modo parziale. Attraverso l’uso delle fonti disponibili in molteplici archivi e biblioteche romane si è dunque cercato di colmare questa lacuna, analizzando svariati aspetti della gestione biblioteconomica (amministrazione contabile, catalogazione, acquisto e donazioni di libri, utenti, profili dei bibliotecari) e tentando di inquadrare la storia di queste biblioteche all’interno della complessiva storia dell’ordine fondato da Ignazio di Loyola.

 

  • Martedì 17 dicembre 2019 – ore 17.30
    Ho visto cose che voi umani…. Presentazione della tesi di specializzazione Il bibliotecario racconta la biblioteca pubblica. Metodi narrativi per progettare la biblioteca di domani di Maddalena Battaggia (Sapienza Università di Roma, rel. Chiara Faggiolani, corr. Giovanni Solimine).
    Nella logica del narrative turn, in linea con l’uso degli studi narrativi per lo studio delle organizzazioni e prendendo ispirazione dal progetto promosso da IFLA Global Vision, la tesi ha indagato la biblioteca pubblica con gli strumenti della ricerca qualitativa, attraverso lo sguardo dei bibliotecari per arrivare a comprendere quale sia la loro visione in merito. Diciannove bibliotecari provenienti da dodici diverse regioni italiane sono stati intervistati per indagare il loro sentire intorno al significato, agli strumenti a disposizione e all’immaginario futuro della biblioteca pubblica. Tematiche inerenti al lavoro bibliotecario (formazione, aspetti contrattuali, riconoscimento e soddisfazione professionale) e alla biblioteca (comunicazione, rapporto e alleanze con il territorio, buone pratiche) sono emerse dalle narrazioni con una potenza tale da qualificarsi come tematiche sulle quali la biblioteca pubblica italiana deve necessariamente riflettere e interrogarsi.

 

  • Martedì 4 febbraio 2020 – ore 17.30
    Collaborazioni MAB nell’Italia dell’Ottocento. Presentazione della tesi di dottorato Cedit antiqua feritas communi humanitati: le istituzioni culturali italiane prima e dopo l’Unità: esperienze e testimonianze di Theodor Mommsen di Eleonora de Longis (Sapienza Università di Roma, rel. Alberto Petrucciani, corr. Giovanni Paoloni).
    Tema della ricerca è la ricostruzione della rete di relazioni stabilite da Theodor Mommsen tra il 1844 e il 1870 con studiosi e istituzioni italiane che furono in contatto e collaborarono con lui nella realizzazione del grande repertorio epigrafico costituito dal Corpus Inscriptionum Latinarum e delle altre sue opere. L’ipotesi sottesa alla ricerca – basata in gran parte sulla corrispondenza depositata nel Nachlass Mommsen della Staatsbibliothek di Berlino – è che gli scambi intrattenuti da Mommsen con gli italiani negli anni cruciali del processo di unificazione abbiano rappresentato una cartina di tornasole delle trasformazioni in atto nel paese che si apprestava, tra mille contraddizioni, a rinnovare, con il raggiungimento della propria unità politica, l’organizzazione degli studi e a modernizzare le proprie istituzioni culturali.

 

  • Martedì 18 febbraio 2020 – ore 17.30
    Angeliche presenze. Presentazione della tesi di laurea triennale La Biblioteca Angelica tra storia e innovazione. Indagine conoscitiva sulle motivazioni e aspettative dell’utenza di Martina Begalli (Università degli studi Roma Tre, rel. Luisa Marquardt).
    La tesi, a carattere empirico, mira a costruire un quadro generale e aggiornato dei servizi della Biblioteca Angelica di Roma e della soddisfazione della sua utenza, anche con lo scopo di verificare la rispondenza dei servizi alle aspettative degli utenti e individuare eventuali aree di sviluppo. Si vuole quindi determinare come la Biblioteca riesca a muoversi nel panorama del modo contemporaneo e come tale sforzo venga percepito dalla sua utenza, in termine di valutazione dei servizi erogati, assistenza e iniziative culturali. A tale proposito sono state analizzate le rilevazioni statistiche disponibili e sono stati elaborati i dati quali-quantitativi ricavati dalla somministrazione di un questionario, tenendo come punto di riferimento la “Carta della qualità dei servizi della biblioteca”.

 

Novità edizione 2020-2021: dopo aver presentato il proprio percorso di ricerca ed i risultati raggiunti, il giovane ricercatore ne commenta l’esperienza in dialogo con il proprio relatore

 

  • Martedì 6 ottobre 2020 – ore 18.00 via Google Meet
    Chi siamo? Dove andiamo? Ruolo e impatto delle biblioteche accademiche tra presente e futuro. Presentazione della tesi di laurea magistrale Il ruolo delle biblioteche e le finalità delle università: metodologia per definire e misurare l’impatto delle biblioteche della Sapienza di Agnese Bertazzoli (Sapienza Università di Roma, rel. Giovanni Solimine, corr. Chiara Faggiolani).
    Quale ruolo ricoprono e quale impatto generano le biblioteche degli atenei italiani? Quale comportamento dovranno adottare in futuro per rafforzare la loro funzione di supporto alle missioni universitarie? Queste sono le domande alle quali la tesi vuole rispondere analizzando il caso delle biblioteche della Sapienza Università di Roma. La ricerca adotta un approccio misto, combinando la reinterpretazione di dati quantitativi relativi alle performance delle biblioteche con l’analisi di dati qualitativi, raccolti per mezzo di interviste a bibliotecari dell’ateneo. I risultati suggeriscono una riflessione a proposito della mission delle biblioteche accademiche e degli obiettivi da porsi per assicurare loro un ruolo sempre più rilevante nella società e nell’università.

 

  • Martedì 1 dicembre 2020 – ore 18.00 via Google Meet
    Retorica della lettura. Un’indagine su adolescenti e libri. Presentazione della tesi di specializzazione Nuove metodologie di indagine motivazionale del rapporto tra adolescenti e lettura di Beatrice Eleuteri (Sapienza Università di Roma, rel. Giovanni Solimine, corr. Chiara Faggiolani).
    La ricerca si basa sulla solida convinzione circa la natura interdisciplinare della biblioteconomia e quella intermediale della lettura. Partendo dall’illustrazione di un’indagine pilota condotta in sette classi della periferia sud-est di Roma, ci si propone di esporre una modalità di indagine qualitativa atta alla rilevazione di dati essenziali per la pianificazione di un’adeguata strategia di intervento nelle politiche di promozione della lettura, identificando la  fascia d’età adolescenziale come periodo cruciale per la formazione del lettore adulto.

 

  • Martedì 12 gennaio 2021
    Presentazione della tesi di laurea triennale L’applicazione dei Linked Open Data alla produzione dei numeri di libro di Caterina Licul (Università degli Studi di Udine, rel. Carlo Bianchini).

 

  • Martedì 2 marzo 2021
    Presentazione della tesi di laurea magistrale L’impatto sociale della biblioteca Cornelia secondo gli studenti. I risultati di un’indagine condotta con approccio misto di Elena Turchetti (Sapienza Università di Roma, rel. Chiara Faggiolani, corr. Giovanni Solimine).
    Il progetto di tesi nasce dal desiderio di sperimentare sul campo gli strumenti integrati della ricerca qualitativa e quantitativa per misurare e valutare l’impatto sociale della Biblioteca Cornelia di Roma. L’approccio misto si rivela inoltre particolarmente efficace ad approfondire l’altro tema d’indagine, l’analfabetismo funzionale dei giovani adulti. Le cinque interviste e gli oltre cento questionari compilati dagli studenti in due diverse rilevazioni, sono la base per riflettere sull’azione della biblioteca: in sinergia con il mondo della scuola non solo a livello micro, ma anche a livello macro (Obiettivo 4 dell’Agenda 2030).

 

  • Martedì 25 maggio 2021
    La Biblioteca della Nonviolenza. Presentazione del lavoro di Stefano Esposito.

 

  • Luglio 2021
    Le avventure delle biblioteche private. Presentazione della tesi di laurea triennale Biblioteca familiare come risorsa culturale. Origine, sviluppo e questioni aperte: il caso della collezione Mazziotti di Giacinta Ratto Vaquer (Università degli studi Roma Tre, rel. Luisa Marquardt).
    La tesi nasce dall’occasione di poter studiare da vicino una biblioteca privata non ancora catalogata, ricca di circa settecento volumi appartenenti a una famiglia aristocratica che in passato ebbe una rilevanza storica nel Cilento. Paradigma del fascino dei piccoli fondi privati in Italia, si è voluta ricercare la correlazione fra la storia della famiglia e la biblioteca, per ricostruire una genesi di quest’ultima. Da questi studi è nata una riflessione sul valore delle piccole biblioteche private di interesse storico-antiquario e sulla relazione fra biblioteca pubblica e privata, ieri e oggi. Sono stati quindi evidenziati i rischi e le opportunità della situazione odierna e immaginati nuovi sistemi di valorizzazione per questi patrimoni librari.

 

***************************************************************************************************************************

 

Modalità di partecipazione

La partecipazione è libera e gratuita.

 

Modalità di accesso alla Biblioteca AIB

La Biblioteca AIB ha sede presso la BNCR – Biblioteca nazionale centrale di Roma, in viale Castro Pretorio 105 – Roma (Fermata Metro B Castro Pretorio)
Per accedere alle sale e ai servizi della BNCR occorre registrarsi al banco dell’Ufficio accoglienza, compilando la scheda per la richiesta della tessera magnetica gratuita.

Per maggiori informazioni contattare la Sezione AIB Lazio all’indirizzo lazio(at)aib.it.

 

Call for researchers

Hai discusso negli ultimi anni una tesi di dottorato/master/scuola di specializzazione attinente alle scienze del libro e del documento e vorresti presentare il tuo lavoro in uno dei prossimi incontri della rassegna? Proponi un piccolo abstract alla Sezione AIB Lazio all’indirizzo lazio(at)aib.it!



URL: https://www.aib.it/struttura/sezioni/lazio/laz-con/2019/75492-le-mille-e-una-tesi/. Copyright AIB 2019-07-14. Creata da Elena Petroselli, ultima modifica 2020-09-25 di Elena Petroselli