Stampa pagina Seguici AIB su Facebook AIB su Twitter

MAB (Musei Archivi Biblioteche) in Toscana

di Sandra di Majo

Non si tratta di una nuova “super” Associazione, ma del Coordinamento permanente delle tre Associazioni nazionali (ICON, ANAI, AIB) e rispettive Sezioni regionali con l’obiettivo di studiare la possibilità e sviluppare un dialogo comune su temi oggi di particolare rilievo quali:

  • lo sviluppo della cooperazione territoriale ai fini di un servizio più efficace unitamente ad una razionalizzazione delle risorse;
  • le prospettive in merito alla promozione e tutela delle professioni culturali sollecitate anche dalla L. 4/2013 di recente approvazione sulle professioni non ordinisticche;
  • l’attenzione ad  una formazione che, pur partendo dalle rispettive specificità e connotazioni, valorizzi i punti di contatto tra le varie professionalità e realtà.

Il primo a partire è stato il MAB Piemonte che ha presentato  il suo progetto al Salone del Libro di Torino nella primavera del 2011; con la firma dell’Atto costitutivo nel Giugno 2012 da parte delle tre Associazioni, MAB ha assunto una dimensione nazionale.

Molte Sezioni si sono rapidamente aggiunte ed a fine 2012, anche la Sezione Toscana. Attualmente i Comitati territoriali sono dieci 1, segno che le finalità di MAB poco sopra brevemente indicate corrispondono ad un’esigenza ben più diffusa di quanto potesse a priori ritenersi ed ormai matura per essere sistematicamente e congiuntamente affrontata superando la dimensione dell’occasionalità dei rapporti o del lavoro svolto in un sia pur splendido isolamento.

Prova ulteriore di quanto questa nuova consapevolezza sia reale e sentita, è stata la partecipazione numerosa ed attiva al primo incontro con soci e colleghi di biblioteche, archivi, musei toscani avvenuto il 9 aprile scorso; non soltanto sono stati condivisi i temi proposti  dall’attuale Comitato territoriale:

  • la formazione
  • l’integrazione dei linguaggi nelle varie espressioni dell’attività degli Istituti
  • la definizione di progetti pilota in cui coniugare le attività di musei archivi e biblioteche e le professionalità dei rispettivo operatori

Numerosi interventi hanno mostrato l’esistenza di una varietà di esperienze  di integrazione a livello ancora progettuale o in stato già avanzato. Alcune parlano dell’accorpamento di Archivio Museo e Biblioteca in un unico edificio e con unica gestione che pur prendendo le mosse dalla necessità di risparmiare risorse possono, se ben ragionate e condotte, produrre ottimi risultati sul fronte dell’immagine e della fruizione. Altre, e si riscontrano qui le esperienze già più avanzate,  riguardano l’elaborazione di linguaggi descrittivi comuni finalizzati all’allestimento di cataloghi e basi di dati o all’organizzazione di mostre ed esposizioni. Altre ancora, considerato che spesso una stessa persona si trova a dover gestire contemporaneamente biblioteca, archivio e museo, esprimono forte l’esigenza di una formazione di base comune.

Un  panorama così ampio e variegato, ma ancora troppo parcellizzato e dove la circolazione delle informazioni non è così fluida e facile, rappresenta un buon terreno di lavoro per MAB. Come avvio si è pensato ad un primo e rapido censimento delle esperienze in corso emerse già dall’incontro del 9 o che a quelle si aggiungeranno da parte di chi intende comunicarle ed alla formazione di gruppi di lavoro sulle linee di attività individuate come prioritarie.

URL: https://www.aib.it/struttura/sezioni/toscana/bibelot/bibelot-1-2013/2013/35682-mab-musei-archivi-biblioteche/. Copyright AIB 2013-07-03. A cura di Marta Motta, ultima modifica 2013-07-03