Stampa pagina Seguici AIB su Facebook AIB su Twitter

La biblioteca in-SuperAbile

di Matteo Rossi

La “condizione” di disabilità è  spesso aggravata da una complessità di condizioni oggettive molte delle quali indotte dall’ambiente sociale, a cominciare, ad esempio, dall’inadeguatezza di quasi tutti gli strumenti di comunicazione. Si tratta dunque, in maniera analoga di quanto viene fatto per l’abbattimento delle barriere architettoniche, di creare un ambiente migliore, idoneo anche per la fruizione di quegli specifici beni culturali che sono i libri e i testi in generale, ora fruibili in rete. Bisogna, cioè, favorire quella che viene designata come “accessibilità funzionale” delle informazioni. L’implementazione dell’e-book in biblioteca potrebbe rappresentare un ideale punto di congiunzione fra questi bisogni e le più avanzate tecnologie per la lettura: è un dispositivo di piccole dimensioni, relativamente facile da trasportare e maneggiare, fornito di uno schermo tattile su cui digitare i comandi che permette di modificare, ingrandendoli, i caratteri del testo, il quale, infine, può anche essere riprodotto vocalmente grazie a software dedicati. Spulciando nel Web si trovano molti progetti e notizie di insegnanti che per l’apprendimento dei bambini e ragazzi utilizzano le lavagne elettroniche. Attraverso questi strumenti gli alunni familiarizzano con le nuove tecnologie imparandone il funzionamento e le possibilità che offrono.

Il Progetto

Il progetto “SuperAbile” prende spunto da alcune richieste che, negli ultimi tempi, sono giunte alla biblioteca comunale da parte di associazioni e insegnanti che svolgono un lavoro di affiancamento a bambini e ragazzi con disturbi della vista o di apprendimento. Dalle indicazioni ottenute sono risultate una serie di difficoltà nel reperire gli strumenti adeguati (costi e reperimento) per portare avanti progetti di promozione alla lettura e apprendimento per questi bambini e ragazzi.

La partecipazione al Corso Regionale e dell’AIB su “E-book in biblioteca” mi ha fatto prendere in considerazione le opportunità che queste “nuove” tecnologie possono offrire a utenti diversamente abili. E allora perché no…????

Proprio le tecnologie digitali, nel nostro caso gli e-book con device, tablet, ecc.  possono offrire  nuove opportunità di approccio alla lettura proprio per tutti coloro che hanno disabilità fisiche o di apprendimento.

Obiettivi

Il progetto si propone di:

  • aiutare ulteriormente bambini e ragazzi disabili all’accesso all’informazione. In particolare ha lo scopo di introdurre nei prodotti editoriali, ma in generale in tutti gli strumenti di comunicazione che presuppongono un contenuto testuale, quei requisiti di accessibilità che ne permettano l’utilizzo ottimale da parte di utenti disabili;
  • far familiarizzare con le nuove tecnologie digitali, non solo e-book, ragazzi e bambini disabili, in maniera da consentire loro la comunicazione e lo scambio di informazioni;
  • prevedere, in futuro, di aggiungere agli e-book altre funzioni, come schede di presentazione, recensioni e critiche ma anche un forum dedicato a utenti particolari.

Il progetto avrà carattere sperimentale, diretto a creare condizioni stabili di continuità ed estensione in altre biblioteche. Sarà monitorato anche attraverso opportuni strumenti di rilevazione statistica come questionari e focus-group.

Attività

Sono previste tre azioni principali:

  • acquisto di device ed e-book. In questo caso per la particolarità dell’utenza a cui si rivolgono verranno preferiti device del tipo tablet (iPad, Galaxi ecc.) rispetto a e-reader, i quali danno una migliore qualità di lettura ma non possono competere con i tablet in fatto di immagini, animazione ecc. Infatti i device saranno caricati di volumi particolari, come i libri modificati, libri parlanti e libri a grandi lettere, naturalmente per ragazzi e altri consigliati direttamente dagli accompagnatori;
  • alfabetizzare volontari e insegnanti all’utilizzo degli e-book, formandoli sia alla fruizione dei device acquistati sia indirizzandoli per la ricerca delle informazioni desiderate (siti, cataloghi, aggregatori ecc.);
  • creare un calendario di incontri con i ragazzi e gli accompagnatori facendo sì che la biblioteca sia veramente una finestra sul mondo per tutti.
URL: https://www.aib.it/struttura/sezioni/toscana/bibelot/bibelot-2-2012/2012/25803-la-biblioteca-in-superabile/. Copyright AIB 2012-08-20. A cura di Marta Motta, ultima modifica 2012-08-21