Stampa pagina Seguici AIB su Facebook AIB su Twitter

Fare fundraising in biblioteca

 Unità di competenza: 1. Amministrazione, accessioni e sviluppo delle raccolte
 Codice di classificazione OF: 1.1.2. Fundraising
 Qualificazione EQF: 7

Data
18 e 19 maggio 2015 (lunedì e martedì) – ore 9.00-13.00; 14.00-17.00/17.30.
La durata del corso è di 14 ore.

Sede
Accademia dei Concordi di Rovigo
Piazza Vittorio Emanuele II, 14
45100 Rovigo
Sala degli Arazzi

Destinatari
destinatari: bibliotecari in possesso di nozioni di amministrazione, gestione e promozione.

Tipologia
corso base

Docenti
Federico Acerboni e Barbara Rossi (Fondazione Querini Stampalia)
Massimo Coen Cagli (Scuola di Roma Fundraising)
Maximiliano Polvizzi (ISNG Bibliotheca Rfid)
Federico Acerboni e Barbara Rossi (Fondazione Querini Stampalia)

Facilitatori
Barbara Rossi (Fondazione Querini Stampalia)

Scopo del corso
il corso avrà lo scopo di introdurre il bibliotecario nelle buone pratiche del fundraising. Saranno evidenziati esempi reali, concreti e quantificabili realizzati in questi ultimi anni e messi in pratica direttamente dalle biblioteche italiane. Due saranno i punti di vista tracciati: quello del progetto della biblioteca e quello dello sponsor, in particolar modo le aziende.
Alla base del corso ci saranno le domande:

  • perché fare fundraising in biblioteca?
  • perché uno sponsor dovrebbe investire nelle biblioteche?

Contenuti

  • Il fundraising per le biblioteche.
  • Il piano di fundraising.
  • Lo sponsor giusto.
  • Le attività strategiche per reperire fondi.
  • Case studies e buone pratiche in biblioteca.

Programma:

LUNEDì 18 MAGGIO 18 maggio (Massimo Coen Cagli)
9.30 – 13.00
  • 1. Che cosa è il fundraising in un’ottica evolutiva e specificità delle biblioteche:

a. definizione di fundraising e trend evolutivi;
b. la biblioteca come portatore di una causa sociale: a quali condizioni le biblioteche possono fare fundraising.

  • 2. Il ciclo del fundraising: ideare, progettare e realizzare le attività.
  • 3. Definire una strategia di fundraising: i punti di forza e di debolezza delle biblioteche.
  • 4. Le aziende come partner: preparare il progetto giusto per l’azienda giusta:

a. Capire cosa offrire alle aziende in una logica di partnership.
b. Rassegna delle principali modalità.

14.00 – 17.00
  • 5. I frequentatori e la comunità come sostenitori della biblioteca;

a. Rassegna delle modalità di raccolta fondi da individui (tesseramento, programma donatori, eventi di raccolta fondi, 5 per 1000, merchandising, crowdfunding).
b. Presentazione di casi.

  • 6. Modello di start up del fundraising per le biblioteche.

 

MARTEDì 19 MAGGIO
9.00 – 13.00

(Maximiliano Polvizzi)

  • 1. Case studies;
  • 2. Il partner giusto per il mio progetto (esempi pratici).
  • 3. L’attività strategica per reperire le risorse.
  • 4. Cosa non fare e cosa non dire di fronte ad un potenziale sponsor.

 

14.00 – 15.30

(Maximiliano Polvizzi)

  • 5. Buone pratiche in biblioteca.
15.30 – 16.30

(Federico Acerboni e Barbara Rossi)

  • 1. Fiscalità italiana: poche idee e ben confuse.
  • 2. L’era glaciale.
16.30 – 17.00

(Alberto Raise)

  • 1. Nati per leggere: un’esperienza di recupero fondi lunga dieci anni.
17.00 – 17.30
  • Dibattito.

Modalità di intervento formativo
lezioni frontali e laboratorio con un confronto di esperienze.

Obiettivi formativi
obiettivi formativi: farsi catalizzatori dell’esperienza delle giornate per affrontare e calibrare le nuove programmazioni in biblioteca.

Cosa si
apprenderà?
Alla fine del corso il partecipante sarà capace di:
A. Conoscenze
  • A1) Conoscere che cosa è il fundraising per le Biblioteche
  • A2) Conoscere come strutturare un piano di fundraising
  • A3) Conoscere la struttura delle linee guida per stilare un documento di fundraising
B. Capacità
  • B1) Essere in grado di individuare il partner giusto per il proprio progetto
  • B2) Essere i grado di mostrarsi appetibile al partner giusto
  • B3) Essere in grado di pianificare le attività strategiche per reperire risorse

 

OBIETTIVI FORMATIVI METODOLOGIA DIDATTICA
A. CONOSCENZE A1-A3: Lezioni in aula
B. CAPACITA’ B1-B4: Lezioni in aula
  1. Valutazione apprendimento:
OBIETTIVI FORMATIVI VALUTAZIONE APPRENDIMENTO
A. CONOSCENZE Questionario
B. CAPACITA’ Test

Supporto alla didattica
Massimo Coen Cagli, Fare fundraising in biblioteca. Strategie e tecniche per affrontare la crisi finanziaria, Milano, Bibliografica, 2013.

Verifica finale
verifica finale: test da inviare all’indirizzo email veneto@ven.aib.it entro venerdì 5 giugno 2015.

Rilascio dell’attestato
rilascio dell’attestato: il corsista dovrà frequentare tutte le ore di corso previste e superare la verifica finale.

Periodo di iscrizione
(sarà data priorità a chi non ha già seguito la 1a edizione del corso)
da lunedì 4 a venerdì 8 maggio 2015.

Conferma iscrizione
a partire da martedì 12 maggio 2015.

n. partecipanti: 25.

Organizzazione

  • costi: il corso, compreso l’eventuale materiale didattico distribuito, è gratuito.
  • raccolta firme: sarà effettuata una raccolta giornaliera delle firme per attestare la presenza dei corsisti.
  • certificato di presenza: al termine di ogni giornata, il corsista potrà richiedere un certificato di presenza che attesti la sua permanenza nella sede del corso per le ore trascorse.
  • scheda di valutazione del corso: per migliorare l’offerta formativa si chiederà ai partecipanti di compilare una Scheda di gradimento.

Iscrizione
(sarà data priorità a chi non ha già seguito la 1a edizione del corso)
compilare il form alla pagina:

http://www.aib.it/struttura/sezioni/veneto/2014/46789-iscrizione-ai-corsi-regionali-aib-veneto

entro i tempi sopra previsti. Le domande giunte prima della data d’inizio delle iscrizioni (farà fede la data del form) non verranno prese in considerazione. L’accettazione sarà confermata via mail ai soli ammessi.

Criteri di accettazione al corso

Le richieste di iscrizione al corso saranno selezionate seguendo questi criteri:

  • ordine cronologico di presentazione delle domande
  • sulla base del punto precedente, si terranno conto delle indicazioni di priorità sottostanti:
  1. personale in servizio impiegato presso una biblioteca veneta di ente locale o di interesse locale, con rapporto di lavoro dipendente.
  2. In virtù della convenzioni sottoscritte con la Regione sono equiparati al punto 1):
    – i dipendenti in servizio impiegati nella Biblioteca Universitaria di Padova.
    – i soci dell’Associazione Librai Antiquari d’Italia (ALAI).
  3. Sempre in virtù della convezione sottoscritta con la Regione hanno inoltre diritto a partecipare ai corsi regionali, con una riserva del 10% a corso, indifferentemente e secondo l’ordine cronologico di arrivo delle domande, gli studenti del Dipartimento di Studi Umanistici e i bibliotecari e gli archivisti in servizio dell’Università Ca’Foscari di Venezia.In presenza di posti disponibili potranno, poi, essere ammessi nell’ordine:
    a) collaboratori coordinati continuativi e personale di cooperative che operino, al momento della presentazione della domanda, presso biblioteche venete di ente locale o di interesse locale
    b) personale volontario che al momento della presentazione della domanda opera in una biblioteca veneta.
    c) persone prive di occupazione con conoscenze di settore.

Si specifica che:

  • un corsista può opzionare solo una posizione lavorativa tra quelle indicate nel form di iscrizione.
  • in caso di rinuncia, il corsista è tenuto ad informare modo tempestivo l’ente organizzatore (al massimo entro 4 giorni dalla data di inizio dei corsi). La non partecipazione per due volte di seguito ad un corso regionale porterà all’esclusione del corsista dagli insegnamenti rimanenti dell’anno in corso.
  • Verrà accolto un corsista per ente d’appartenenza e non per biblioteca. Nel caso in cui arrivino più domande da parte di uno stesso ente, verrà selezionata la prima richiesta arrivata. Le altre saranno poste in coda alle altre richieste di iscrizione secondo la data di arrivo e accolte, se il numero degli iscritti lo consente, dopo avere terminato quelle degli altri ente. Nel caso in cui più richieste di partecipazione arrivino contemporaneamente da uno stesso ente, spetterà all’ente specificare l’ordine di selezione del corsista.
  • Potranno essere accolte richieste di partecipazione da altre regioni, ma saranno poste in coda alle richieste di iscrizione dei bibliotecari veneti e accolte, se il numero degli iscritti lo consente, dopo l’esaurimento delle liste.
  • In soprannumero, e a discrezione di Regione ed ente organizzatore, sarà possibile riservare come uditori due posti per personale individuato dalla Sezione Beni Culturali e due dall’ente organizzatore.

Per ulteriori informazioni contattare i facilitatori:

Barbara Rossi (b.rossi@querinistampalia.org)
041 2711411
veneto@ven.aib.it

(Per l’iscrizione, sarà data priorità a chi non ha già seguito la 1a edizione del corso)


 

LogoAIBaltarisoluzionestemma_regione_veneto

URL: https://www.aib.it/struttura/sezioni/veneto/2015/49019-fare-fundraising-in-biblioteca/. Copyright AIB 2015-04-13. A cura di Marco Goldin, ultima modifica 2015-04-24