[AIB] AIB. Vita dell'Associazione
AIB-WEB   |   Vita associativa   |   Riunioni del CEN

Comitato esecutivo nazionale:
riunione del 20 marzo 2004

Ordine del giorno

Il giorno 20 marzo 2004 alle ore 09.00 presso la sede nazionale in V.le Castro Pretorio, 105 Roma è convocato il Comitato Esecutivo Nazionale per discutere il seguente ordine del giorno:

1. Approvazione del verbale della seduta precedente
2. Comunicazioni
3. Adempimenti istituzionali in vista dell'Assemblea dei soci
4. Dimissioni di Gabriele Mazzitelli da componente del Comitato esecutivo nazionale
5. Varie ed eventuali

Il Presidente
Miriam Scarabò

Verbale

Presenti: Miriam Scarabò (Presidente CEN), Maria Cristina Di Martino (Vicepresidente CEN), Claudio Gamba, Luisa Marquardt, Gabriele Mazzitelli, Massimo Rolle, Graziano Ruffini (CEN), Ornella Falangola, Vanni Bertini (Collegio sindacale), Marco Cupellaro (Segretario nazionale), Gaia De Rinaldo (ufficio stampa AIB, invitata, per il solo punto 2 all'OdG).

Presiede Scarabò; la verbalizzazione della seduta è affidata a Cupellaro.

A tutti i partecipanti viene distribuita la seguente documentazione:

In apertura Scarabò decide di modificare l´ordine del giorno dando la precedenza alle Comunicazioni, per consentire a Mazzitelli di presentare subito il nuovo addetto stampa AIB Gaia De Rinaldo.

[Ordine del giorno]

2. Comunicazioni

Mazzitelli sintetizza il curriculum professionale di De Rinaldo, evidenzia le esigenze del momento che hanno condotto ad accelerare la ricerca di una figura di interfaccia con la stampa (prestito a pagamento, Conferenza di primavera, convegno di Parma, 23 marzo, Stati generali COLAP) e comunica che la nomina, ufficializzata dal CEN, andrà ora comunicata anche agli altri organismi interni all'AIB. Si è già iniziato a ragionare con AIB-Web per definire gli spazi di collaborazione.

De Rinaldo precisa che ha già preparato 2 comunicati, in occasione delle Stelline e del convegno di Parma, che sono stati inviati alle redazioni cultura dei quotidiani di tutta Italia, e che sono serviti a preparare il terreno per successive azioni e hanno trovato riscontro nell'"Unità" e nella sezione cultura de "Il denaro". Il comunicato sulle Stelline è stato inviato anche ai quotidiani locali. Specifica che per quanto riguarda la collaborazione con AIB-Web, e in particolare con Segnaweb, dai primi riscontri sul campo è emersa l'esigenza di apportare alcune leggere modifiche alla presentazione del servizio.

Scarabò informa che la documentazione necessaria a costruire la rassegna stampa della campagna sul prestito a pagamento è stata inviata, ed è ora urgente renderla visibile su AIB-Web. L'ufficio stampa è una funzione importantissima per assicurare la visibilità dell'Associazione all'esterno.

De Rinaldo aggiunge che per la nuova area stampa nel sito è essenziale la visibilità adeguata dall'home page del sito.

Di Martino invita a pensare ad AIB-Web come a un servizio da declinare non solo esclusivamente verso il target soci ma, con gli opportuni aggiustamenti, anche verso altri pubblici.

Falangola offre la propria disponibilità, come ex addetto stampa della sezione Campania, a fornire contatti con i media della regione e sottolinea l'importanza dei contatti diretti e la necessità di creare un network di contatti su base territoriale coinvolgendo i Presidenti.

Marquardt ricorda i contatti con ADN Kronos che interverrà alla Conferenza di primavera.

Rolle suggerisce di pensare alle sezioni non in modo sporadico, ma individuando referenti per regione sia per i contatti con i media che per la rassegna stampa, e raccomanda di definire adeguatamente il livello di collaborazione con le sezioni.

Bertini suggerisce di utilizzare la logica dei link a contenuti prodotti dalle sezioni.

Mazzitelli aggiunge che il fronte principale è il presidio degli eventi che comunque vedano la presenza del nazionale.

Scarabò invita Mazzitelli a presentare De Rinaldo al prossimo CNPR (3 aprile) e a riferire dei contatti in corso con Comunia per avviare la ricerca di uno o più sponsor istituzionali per l'AIB.

Mazzitelli informa che il giorno precedente c'è stato un nuovo incontro con Comunia di cui presenta sinteticamente la proposta. Comunia propone una consulenza generale per la messa a punto del progetto complessivo di comunicazione esterna dell'AIB, strettamente finalizzato alla ricerca sponsor (consulenza che avrebbe un costo fisso), e poi la vera e propria ricerca dello sponsor che invece andrà remunerata in percentuale sui finanziamenti erogati dallo sponsor. La sponsorizzazione potrà riguardare sia l'Associazione in generale, sia specifici progetti e campagne come il Rapporto sulle biblioteche, Nati per leggere o @lla tua biblioteca. Alcune di queste attività richiederanno uno specifico presidio dei rapporti con la stampa, naturalmente strettamente integrata con il ruolo dell'addetto stampa interno. Naturalmente il senso del progetto di ricerca sponsor andrà adeguatamente comunicato ai soci affinché possano comprenderne la portata strategica: comunicazione che non può ovviamente essere demandata a istanze esterne.

Falangola osserva che nelle soluzioni prospettate sembrano esserci duplicazioni nel presidio dei rapporti con la stampa, e che è inaccettabile la richiesta, da parte di Comunia, di una remunerazione fissa in aggiunta a quella variabile, per un'attività di ricerca sponsor che andrebbe remunerata normalmente su base variabile. Di Martino chiede se il bilancio, a fronte di incrementi probabili delle uscite e ancora da accertare per quanto riguarda le entrate, possa sostenere questi ulteriori oneri fissi.

Sulle duplicazioni Mazzitelli replica che ha senso distinguere tra le due modalità di presidio dei rapporti con la stampa. Sul bilancio Rolle obietta che la filosofia condivisa dal CEN è che sono le risorse a doversi dimensionare sulle attività previste e non viceversa, e che la comunicazione verso l'esterno è una funzione strategica che merita degli investimenti contenuti.

Scarabò trova poco chiare alcune formulazioni della proposta Comunia relativamente ai rapporti istituzionali (che non sono delegabili a societÓ esterne) e appunto all'ufficio stampa.

Bertini osserva che il ruolo dei sindaci non è nel sindacare sulle scelte politiche - p. es. di incremento delle entrate - ma nel vigilare affinché gli impegni di spesa vengano assunti solo quando le entrate sono state verificate. Falangola si dice pienamente d'accordo e chiede di aggiungere una previsione completa di budget per la comunicazione.

Di Martino e Scarabò, pur condividendo l'esigenza di sostenere l'organizzazione delle attività di comunicazione, intendono rispettare i vincoli di bilancio. Marquardt aggiunge che il reperimento dello sponsor non può essere definito un'"eventualità" nella lettera d'accordo e osserva che nei rapporti istituzionali l'attività di Comunia sembra ridondante rispetto a quanto fa già l'AIB direttamente.

Gamba obietta che l'AIB ha ancora bisogno di tutto e che è difficile vedere reali sovrapposizioni rispetto ad aree che comunque oggi non vengono presidiate adeguatamente.

Scarabò conclude chiedendo di focalizzare e chiarire meglio il rapporto con Comunia sulla ricerca di sponsor, evitando sovrapposizioni con le attività interne e con quelle del nuovo addetto stampa. La remunerazione dovrebbe essere variabile e garantire all'AIB il netto che si vuol ricavare. Prevedere tempi stretti per chiudere l'accordo con Comunia o eventualmente cercare alternative.

In conclusione il CEN incarica De Rinaldo di operare come addetto stampa dell'Associazione per i prossimi eventi, rimborsandole forfetariamente le spese sostenute per i prossimi tre mesi, per un ammontare di 600 euro lordi al mese. La copertura di bilancio verrà verificata nell'ambito dell'assestamento di bilancio. La divisione si farà carico di redigere una descrizione della posizione lavorativa di addetto stampa.

[Ordine del giorno]

3. Adempimenti istituzionali in vista dell'Assemblea dei soci

Rolle informa il resto del CEN dei criteri e della tempistica con cui si sta procedendo a elaborare sia il bilancio consuntivo 2003 (legalmente rilevante), sia il preventivo 2004 (che, seppure non legalmente obbligatorio, rappresenta un impegno programmatico assunto verso i soci nella scorsa assemblea). I bilanci delle sezioni per quest'edizione verranno semplicemente collazionati, senza modifiche o standardizzazioni dei criteri. Il consuntivo rispetterà la precedente impostazione, in modo da assicurarne la comparabilità al preventivo. Da valutare se inserirvi delle poste di rettifica basate su cespiti patrimoniali (pubblicazioni in magazzino, biblioteca, attrezzature), ovviamente calibrandone il valore in funzione di ammortamenti o rimanenze. Uno degli obiettivi principali di quest'anno è di accrescere la leggibilità del bilancio, che deve essere a tal fine costruito non a partire dalla rendicontazione fiscale, ma dal bilancio per centri di costo e ricavo. Per l'incontro coi revisori Rolle si riserva di presentare assestamento e definire rettifiche per ora solo a livello nazionale.

Bestini chiede se le sezioni abbiano cespiti patrimoniali su cui in futuro si possano basare rettifiche (a parte la biblioteca della sezione Friuli-Venezia Giulia). Falangola chiede se esista la possibilità tecnica di inserire valori patrimoniali di alcuni cespiti, come la biblioteca. Rolle risponde che la possibilità esiste, ma che per arrivare a una conclusione su questo punto occorrerà valutare gli impatti di una simile manovra e considerare gli equilibri tra stato patrimoniale e conto economico.

Viene concordato lo scadenzario nella redazione e verifica del bilancio consuntivo, che verrà sottoposto ai sindaci prevedibilmente il 16 o 17 di aprile e subito dopo inviato ai Presidenti regionali per un parere.

Si concorda inoltre che entro il 4 aprile le Linee programmatiche verranno messe in linea in AIB-Web e opportunamente pubblicizzate.

Il CNPR si riunirà a Saint Vincent il 27 intorno alle 15:30, mentre il CEN si riunirà per la preparazione dell'Assemblea il 28 alle 14:30.

Rolle chiede a Marquardt di verificare con Brunodet la dimensione economica della Conferenza, che meriterà una specifica riflessione, e ricorda che la presenza dei coordinatori delle Commissioni, se non a carico della sezione, dovrà essere a carico del nazionale. Bertini raccomanda di assicurarsi che il budget della sezione includa anche la presenza dei Presidenti alla Conferenza.

[Ordine del giorno]

1. Approvazione verbale seduta precedente

Il verbale relativa alla seduta del CEN del 28 febbraio viene approvato, previa correzione delle frasi che riguardano la proposta del CEN ad Alberani di partecipare al gruppo allargato di referenti per la formazione, la richiesta di collaborazione di Scarabò al resto del CEN per l'intervento al convegno di Parma, e le caratteristiche della collaborazione tra CEN e sezione Valle d'Aosta nell'organizzazione della Conferenza di primavera.

[Ordine del giorno]

2. Comunicazioni (segue)

Incidentalmente, viene stabilito che il CEN aggiornerà alla Conferenza di primavera l'incontro con il coordinatore della CNBS Odasso, che non è potuto avvenire in occasione delle Stelline.

Marquardt distribuisce il documento su Bibliocom e dichiara di aver raccolto la disponibilità di Noto e Frabotta.

Scarabò informa il resto del CEN che Federica Riva, presidente di IAML Italia, a seguito dell'iniziativa AIB sul prestito a pagamento chiede collaborazione nella soluzione degli specifici problemi del prestito realtivi al comparto (che implica una necessità di cambiare la legge attuale anziché difenderla, contrariamente agli altri comparti bibliotecari). Scarabò ha prospettato a Riva l'adesione agli Stati generali. Gamba prenderà opportuni contatti in tal senso con IAML. In ogni caso l'AIB, pur nella difficoltà di tener conto di tutte le specificità dei comparti, non farà mancare allo IAML l'appoggio richiesto.

Scarabò informa poi che il Comitato italiano dell'UNESCO ha concesso il patrocinio alla Conferenza di primavera.

Di Martino aggiorna i presenti sullo stato della Campagna contro il prestito a pagamento. Fa notare che l'AIB è stato l'unico attore non istituzionale invitato al tavolo delle istituzioni che si riunirà il 25 marzo e sintetizza le posizioni espresse finora a questo tavolo e le proposte emerse di soluzione emerse. Scarabò informa di essere stata contattata dall'on. Cerasoli che ha espresso il suo appoggio alla campagna.

Di Martino informa che finora non è stato possibile ottenere da Marandola, scelto dall'AIB come consulente sul tema, il richiesto stato dell'arte legislativo nei paesi europei.

[Ordine del giorno]

4. Dimissioni di Gabriele Mazzitelli da componente esecutivo nazionale

Mazzitelli prende la parola illustrando ai presenti le ragioni della sua lettera di dimissioni. Oltre a fattori personali, hanno giocato soprattutto l'ingiusto attacco alla sua persona che si può cogliere nel messaggio di Paoli ad AIB-CUR, e la necessità di verificare nel modo più chiaro e inequivocabile possibile quali siano le ragioni che hanno ispirato questo messaggio, se esso si iscriva in una strategia più ampia di attacco al CEN, e infine di verificare l'effettiva unità d'intenti del CEN, e degli stessi Presidenti regionali, nell'opporsi a critiche che tendono ad alimentare la visione di un CEN debole e spaccato tra maggioranza e minoranza: visione che non risponde a verità, che non tiene conto degli importanti risultati conseguiti attraverso la convergenza programmatica interna al CEN stesso e con i Presidenti regionali. Attacchi simili, anche se rivolti in prima battuta a singole persone, investono a suo avviso non solo queste persone ma tutto il CEN, il CNPR (che ha condiviso con il CEN le scelte programmatiche per il 2004) e l'Associazione in genere.

Di Martino esprime l'auspicio che le dimissioni vengano ritirate, dissente nettamente dalla visione di una contrapposizione maggioranza-minoranza all'interno del CEN e suggerisce di riflettere maggiormente sull'esigenza che il CEN ha di comunicare in modo più efficace all'esterno i risultati raggiunti. Ribadisce che soci con incarichi AIB non devono pronunciarsi su AIB-CUR su questioni politiche su cui hanno senz'altro possibilità d'interloquire dal di dentro.

Falangola concorda sulla gravità del metodo seguito in occasione di questa vicenda.

Rolle dichiara che sarebbe sorprendente apprendere che esisterebbero liste elettroniche parallele su cui sarebbero state discusse tematiche del lavoro del CEN, perché questo configurerebbe una grave violazione istituzionale.

Scarabò conclude che la vicenda apertasi con il messaggio di Paoli è una grande opportunità per il CEN per serrare maggiormente le fila e fare il massimo di chiarezza possibile al proprio interno. Una volta compiuta questa chiarificazione, la risposta del CEN non può che essere orientata all'azione positiva, al dare risposte alle attese dei soci, al far emergere chiaramente i risultati del proprio lavoro. Chiede a Mazzitelli di ritirare le dimissioni e concorda con la sua richiesta di chiarezza.

Data l'ora e l'importanza della questione discussa, il Presidente decide di aggiornare la riunione. La discussione proseguirà in lista.

La seduta si conclude alle 15.00

Il Presidente
Miriam Scarabò

Il Segretario nazionale
Marco Cupellaro


Copyright AIB 2004-03, ultimo aggiornamento 2004-08-27 a cura di Giulio Marconi
URL: http://www.aib.it/aib/cen/rcen040320.htm

AIB-WEB   |   Vita associativa   |   Riunioni del CEN