[AIB]  AIB. Pubblicazioni. DBBI20
AIB-WEB | Pubblicazioni AIB | DBBI20 Indice delle voci

Dizionario bio-bibliografico dei bibliotecari italiani del XX secolo


Bassi, Stelio

(Forlì 7 agosto 1914 Torino 9 novembre 1990)

Laureato in lettere all'Università di Bologna nel novembre 1936, con una tesi di storia romana, e poi diplomato in biblioteconomia e archivistica all'Università di Bologna, presidente del Circolo di cultura fascista di Imola, fu incaricato della reggenza della Biblioteca comunale di Imola nel maggio 1938, al pensionamento di Romeo Galli, e ne mantenne la direzione che comprendeva anche gli Archivi, la Pinacoteca e i Musei fino al marzo 1939. In precedenza, nel 1937-1938, aveva insegnato come supplente nelle scuole medie.
Entrò per concorso dal 1º luglio 1940 nelle biblioteche governative come bibliotecario aggiunto, destinato alla Marucelliana di Firenze, ma dal dicembre 1939 alla fine della guerra fu quasi sempre sotto le armi (prendendo parte a quanto pare alla campagna d'Africa, come volontario).
Nel maggio 1945 venne promosso bibliotecario e nel 1946 venne trasferito dalla Biblioteca Marucelliana alla Biblioteca governativa di Cremona per assumerne la direzione, che tenne fino al 1957. Nel maggio 1950 venne promosso bibliotecario di prima classe e nello stesso anno avviò una rete di prestito sul territorio che costituì poi l'esempio ispiratore del Servizio nazionale di lettura.
Nell'estate del 1957 passò alla direzione della Biblioteca nazionale di Torino, che mantenne fino al 1977. Nel frattempo venne promosso direttore di terza classe (dicembre 1960), raggiunse nel luglio 1965 la prima classe e fu poi inquadrato nella qualifica di dirigente superiore. A Torino seguì la progettazione e la costruzione della nuova sede della Biblioteca, aperta il 15 ottobre 1973, curando la sua riorganizzazione e il suo trasferimento.
Socio dell'AIB dalla sua rifondazione democratica, nell'immediato dopoguerra, segretario dell'Assemblea tenuta a Palermo nel 1948 per l'approvazione del nuovo Statuto, partecipò assiduamente alle sue attività e ai suoi congressi.
Fu inoltre professore incaricato di Paleografia latina e di Bibliologia e storia della tradizione manoscritta nella Scuola di paleografia musicale di Cremona e docente nei corsi di preparazione per le biblioteche popolari e scolastiche, per i quali pubblicò un manuale (Lezioni di bibliologia, Torino: Giappichelli, 1958, limitato al primo volume Bibliologia tecnica).
Autore già ad Imola di un catalogo degli incunaboli della Biblioteca comunale, pubblicato ne «L'Archiginnasio» (1939), avviò a Cremona una collana di opere paleografiche, «Instituta et monumenta», in cui pubblicò una raccolta di facsimili (Monumenta Italiae graphica, Cremona: Cremona nuova, 1956-1957); a Torino promosse la pubblicazione dei cataloghi dei manoscritti orientali (Roma: Istituto poligrafico dello Stato, 1974) e dei manoscritti miniati latini (Torino: Officine grafiche G. Molfese, 1980) della Biblioteca nazionale. Pubblicò inoltre vari contributi biblioteconomici e bibliografici, relativi soprattutto alla Biblioteca nazionale di Torino o al libro manoscritto e a stampa, su «Accademie e biblioteche d'Italia», sul «Bollettino d'informazioni» dell'Associazione italiana biblioteche e in altri periodici.

Alberto Petrucciani

Chi è?: dizionario biografico degli italiani d'oggi, 5ª ed., Roma: Filippo Scarano, 1948, p. 73; 6ª ed., ivi, 1957, p. 51; 7ª ed., ivi, 1961, p. 61.

Panorama biografico degli italiani d'oggi, a cura di Gennaro Vaccaro. Roma: Curcio, 1956, p. 117-118.



Copyright AIB 2001-04-25, ultimo aggiornamento 2021-01-24, a cura di Simonetta Buttò e Alberto Petrucciani
URL: https://www.aib.it/aib/editoria/dbbi20/bassis.htm

AIB-WEB | Pubblicazioni AIB | DBBI20 Indice delle voci